Connect with us

Sicilia

Elena, la disperazione del papà: “Martina pazza? No, l’ha uccisa con lucidità”

La disperazione del papà della piccola Elena Dal Pozzo, uccisa a Mascalucia, in provincia di Catania: “Ma quale pazza?…” – LEGGI

Published

on

In una lettera che è stata pubblicata integralmente dal sito web della trasmissione televisiva “Chi l’ha Visto?” le parole di Alessandro Del Pozzo, il papà della piccola Elena, uccisa con sette coltellate a Mascalucia, nel Catanese. “Mi chiamo Alessandro Del Pozzo, sono il papà di Elena. Non avevo – si legge – nessuna intenzione di rilasciare un’intervista perché sono troppo addolorato da ciò che è successo, ma lo reputo giusto nei confronti di mia figlia. Ho sentito parlare di pazzia e di gelosia morbosa ma non ho sentito parlare di cattiveria e di sadismo”.

Come si può reputare un raptus quello che ha fatto Martina??!! Un omicidio premeditato e studiato in ogni particolare! I momenti di pazzia sono susseguiti da momenti di lucidità! Momenti in cui non si è nemmeno pentita di aver ucciso la bambina!”. (continua sotto)

“Bensì ha messo Elena dentro dei sacchi della spazzatura, l’ha sotterrata, si è ripulita e ha ripulito, ha inventato un sequestro creandosi un alibi e ha colpito la sua macchina per inscenare un’aggressione!! 24 ore di bugie. Quindi un omicidio in cui ci si crea pure un alibi e si occulta il corpo! Non può essere un raptus di pazzia!“.

Ho sentito parlare l’avvocato di Martina il quale può solo fare questo… parlare e sprecare fiato perché davanti la realtà non ci sono parole che possano cambiarla! Amo mia figlia più di ogni altra cosa al mondo è uguale a me in tutto e per tutto! Me l’ha uccisa! me l’ha portata via… non perché non volesse che legasse con la mia compagna, ma perché voleva mettermela contro… le parlava male di me ogni giorno ed Elena me lo veniva a raccontare!!”.

“Non ci sarebbe potuta riuscire perché io ed Elena siamo una cosa sola e lei la odiava per questo!!! Ha tentato tanto di parlare male di me fino al giorno che ha capito che non ci sarebbe riuscita e ha studiato come ammazzarla!!! Distruggendo la sua innocente vita… ha preso Elena dall’asilo un’ora prima perché già era preparata mentalmente! Questa è una chiara prova di una mente sana in grado di organizzarsi!!! Un suicidio sarebbe stato più plausibile!”.

Elena aveva tutta la vita davanti e tanti traguardi da raggiungere! Sono distrutto mi sento un vuoto dentro incolmabile ho sempre promesso a mia figlia che l’avrei tenuta al sicuro come ogni buon padre farebbe, avrei dato la vita al posto suo, l’ho chiesto a Dio, ma non accetta sostituzioni! Non potevo mai e, dico mai, pensare che l’avrei dovuta proteggere proprio da sua madre…”.

“La legge è sempre pronta ad affidare i figli alle mamme nonostante in alcune storie i padri siano meglio delle madri! Tutti parlano dell’amore della mamma, ma nessuno parla mai dei sacrifici che fa un papà… Martina è un mostro non meritava una figlia come Elena speciale e unica in tutto! Elena vive! Ogni giorno! Dentro il mio cuore…”.

Cronaca

Inchiesta Pandora a Catania, fra i 29 indagati c’è anche Sammartino

L’avviso di conclusione delle indagini preliminari è stato emesso dalla Procura di Catania nei confronti di 29 indagati nell’inchiesta Pandora, incanalata su indagini dei Carabinieri, su presunte infiltrazioni della criminalità organizzata ed episodi di corruzione al Comune di Tremestieri Etneo. La notizia è riportata dal quotidiano La Sicilia. Tra i destinatari del provvedimento c’è anche […]

L’articolo Inchiesta Pandora a Catania, fra i 29 indagati c’è anche Sammartino proviene da TeleOne.

Published

on

L’avviso di conclusione delle indagini preliminari è stato emesso dalla Procura di Catania nei confronti di 29 indagati nell’inchiesta Pandora, incanalata su indagini dei Carabinieri, su presunte infiltrazioni della criminalità organizzata ed episodi di corruzione al Comune di Tremestieri Etneo.

La notizia è riportata dal quotidiano La Sicilia. Tra i destinatari del provvedimento c’è anche il leader della Lega in Sicilia, Luca Sammartino che, indagato per due presunti casi di corruzione, il 17 aprile scorso si è dimesso da vicepresidente della Regione Siciliana e da assessore all’Agricoltura dopo essere stato sospeso dalle funzioni pubbliche dal gip. Il suo legale, l’avvocato Carmelo Peluso, ha presentato appello contro il provvedimento: l’udienza si terrà il 26 giugno.

Due dei 29 indagati destinatari dell’avviso di conclusione indagini sono in carcere, sono: l’ex sindaco di Tremestieri Santi Rando e Pietro Alfio Cosentino indagati per voto di scambio politico-mafioso per le amministrative del 2015.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Tra gli indagati anche due esponenti di spicco di Cosa nostra: Francesco Santapaola e Vito Romeo, quest’ultimo cognato di Cosentino.
L’inchiesta punta a fare luce anche su appalti e affidamenti dei lavori al Comune, e su questo fronte la Prefettura di Catania ha acceso un ulteriore faro disponendo un accesso ispettivo sull’Ente locale.

Sammartino ha sempre contestato le accuse, esprimendo “piena fiducia nella magistratura”. Due i presunti casi di corruzione contestati dalla Procura. Il primo è di avere favorito il proprietario di una farmacia a Tremestieri Etneo impegnandosi nell’impedire l’apertura a un suo concorrente. In cambio avrebbe ottenuto l’appoggio elettorale per la candidata alle europee che lui sosteneva nel 2019 per il Pd, Caterina Chinnici, poi eletta e ora in Forza Italia, totalmente estranea all’inchiesta. Il secondo caso riguarda due carabinieri del nucleo di polizia giudiziaria della Procura, uno in servizio e l’altro in aspettativa, che avrebbero fornito notizie su eventuali indagini nei suoi confronti e bonificato da eventuali cimici la sede della sua segreteria.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Catania, riapre pronto soccorso del Policlinico dopo perdita gasolio

E’ stato riaperto il pronto soccorso del Policlinico universitario di Catania che era stato chiuso per la presenza dei vapori scaturiti da una perdita di gasolio (LEGGI) da un gruppo elettrogeno, che si era attivato per un distacco dell’energia elettrica. La struttura è stata rimessa in sicurezza e la dirigenza dell’azienda ospedaliera ha avvisato la […]

L’articolo Catania, riapre pronto soccorso del Policlinico dopo perdita gasolio proviene da TeleOne.

Published

on

E’ stato riaperto il pronto soccorso del Policlinico universitario di Catania che era stato chiuso per la presenza dei vapori scaturiti da una perdita di gasolio (LEGGI) da un gruppo elettrogeno, che si era attivato per un distacco dell’energia elettrica.

La struttura è stata rimessa in sicurezza e la dirigenza dell’azienda ospedaliera ha avvisato la centrale operativa del 118 che il pronto soccorso è tornato a essere pianamente operativo. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuioco e agenti delle Volanti della Questura.

LEGGI ANCHE: “Perdita di gasolio”: chiuso pronto soccorso del Policlinico di Catania

La riapertura del “pronto soccorso del presidio ospedaliero Rodolico di via Santa Sofia” che “ha ripreso la consueta attività dopo la breve interruzione del pomeriggio” è ufficializzata con una nota dal Policlinico etneo. Lo ha reso noto il direttore generale dell’azienda ospedaliero universitaria, Gaetano Sirna.

Il manager “per tutto il pomeriggio è rimasto in costante contatto con il presidente della Regione Renato Schifani, con l’assessore regionale alla Salute Giovanna Volo e con il direttore della Pianificazione strategica dell’assessorato Salvatore Iacolino”, riferendo loro “ogni passeggio della procedura di ripristino e messa in sicurezza dell’impianto che ha subito una perdita di carburante”.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

“Il servizio di emergenza urgenza – prosegue la nota del Policlinico di Catania – è quindi ritornato a pieno regime dopo la risoluzione del problema e la messa in sicurezza delle strutture e dei pazienti. Il sistema di gestione della crisi ha funzionato in maniera egregia consentendo il superamento dell’emergenza in appena tre ore”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Tragedia nel Catanese: schianto in moto, Alessandro muore a 22 anni

Alessandro Milici perde la vita in uno scontro avvenuto fra un’auto ed una moto: i dettagli

L’articolo Tragedia nel Catanese: schianto in moto, Alessandro muore a 22 anni proviene da TeleOne.

Published

on

Lacrime a Camporotondo Etneo per la tragica scomparsa del 22enne Alessandro Milici, vittima di un incidente avvenuto in via Pantano, nella zona industriale di Belpasso. Alessandro, impiegato in una delle attività del centro commerciale Etnapolis, stava tornando a casa in moto quando si è scontrato frontalmente con una Volkswagen Golf guidata da un 31enne del posto.

Il violento impatto non ha lasciato scampo al giovane motociclista, che viaggiava su una Honda Shadow. I sanitari del 118, giunti tempestivamente sul luogo dell’incidente, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del ragazzo.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Il conducente dell’auto, invece, è stato trasportato all’ospedale SS. Salvatore di Paternò, per essere sottoposto a test per rilevare uso di droga e alcol.

I carabinieri della Stazione di Belpasso hanno effettuato i rilievi necessari per ricostruire la dinamica dell’incidente, mentre i vigili del fuoco del distaccamento di Paternò sono intervenuti per illuminare la zona, totalmente al buio. Il magistrato di turno del Tribunale di Catania ha disposto il sequestro dei mezzi coinvolti, mentre la salma di Alessandro è stata trasportata all’obitorio del Policlinico di Catania, in attesa di essere restituita ai familiari.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Violenza shock ad Agrigento: soccorritore del 118 picchiato brutalmente da paziente

Si è trattato di una violenza inaudita: per la vittima dell’aggressione, trauma cranico e ricovero d’urgenza

L’articolo Violenza shock ad Agrigento: soccorritore del 118 picchiato brutalmente da paziente proviene da TeleOne.

Published

on

Un soccorritore della Seus è stato aggredito nel pomeriggio di ieri ad Agrigento dal paziente che stava soccorrendo e da un familiare di quest’ultimo. L’operatore è stato picchiato violentemente, perdendo conoscenza e riportando un trauma cranico. È stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio”, dove è rimasto sotto osservazione.

“Un atto vile, purtroppo l’ennesimo contro i nostri operatori del 118, che svolgono il proprio dovere con grande professionalità e dedizione,” ha dichiarato il consiglio di amministrazione della Seus, rappresentato dal presidente Riccardo Castro, insieme a Pietro Marchetta e Maria Stella Marino. “Al nostro soccorritore va tutta la nostra solidarietà, e siamo pronti a tutelarlo in ogni sede”.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Anche Giuseppe Misuraca, responsabile della Centrale Operativa del 118 di Agrigento, è intervenuto condannando fermamente l’aggressione: “È un grave atto di violenza che colpisce ancora una volta il personale dell’emergenza-urgenza. Siamo vicini al collega e gli auguriamo una pronta guarigione”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati