Connect with us

Vetrina

“L’ho uccisa io”: la rivelazione dell’ex, ritrovato corpo della 22enne scomparsa a Malaga

La rivelazione dell’ex fidanzato: trovato il corpo della 22enne scomparsa a Malaga nel 2014. L’ex compagno ha ucciso anche la nuova compagna

L’articolo “L’ho uccisa io”: la rivelazione dell’ex, ritrovato corpo della 22enne scomparsa a Malaga proviene da TeleOne.

Published

on

Era scomparsa vicino a Malaga, nel luglio del 2014, ora la polizia in spagna ha ritrovato il corpo di Sibora Gagani, una ragazza di 22 anni. I fatti si riferiscono a quanto accaduto a Torremolinos, e come hanno riportato i media spagnoli, l’ex fidanzato Marco Gaio Romeo ha confessato agli inquirenti di averla uccisa.

Di origine albanese e nazionalità italiana, la ragazza è stata residente a Nettuno, Roma, fino al 2011. Secondo fonti investigative il corpo era nascosto in una cassa di legno tra due pareti della casa in cui viveva con l’uomo, che oggi ha 45 anni.

La svolta nelle indagini è arrivata qualche settimana fa, quando il suo ex è stato arrestato con l’accusa di aver ucciso a coltellate la sua ultima compagna, la 28enne spagnola Paula. Con lei ha anche avuto un bambino.

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

Nel corso dell’interrogatorio l’uomo è dunque tornato così su quanto accaduto dopo il trasferimento in Spagna. L’uomo ha lasciato intendere, come riportato dai media locali, di averla uccisa nel 2014, per poi nasconderne il corpo murandolo nella casa in cui vivevano prima che la relazione si deteriorasse. L’indagato ha poi ritrattato questa versione in sede di interrogatorio ufficiale, ma la polizia spagnola ha comunque preso sul serio la pista che aveva indicato informalmente.

Il ritrovamento del corpo due giorni fa, martedì 6, quando gli agenti si sono presentati nella casa in cui Gagani viveva con il suo presunto assassino. Grazie ad un sistema a raggi X sono stati ispezionati punti difficilmente raggiungibili dell’immobile. Il corpo era nascosto proprio dove l’ex ha indicato di cercarla. Accanto è stato trovato anche un coltello insanguinato.

L’esame del Dna sui resti ha confermato che si tratta del corpo della ragazza italo-albanese scomparsa nel 2014.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Contro la siccità a disposizione 1,2 miliardi, Musumeci: “Usato solo il 30 per cento”

Contro la siccità “abbiamo messo a disposizione 1,2 miliardi per le regioni: 400 milioni per progetti già in essere e 800 milioni per nuove iniziative. Il ministro Fitto mi dice che solo circa il 30% risulta essere stato finora utilizzato. Bisogna concludere entro giugno 2026.Mi auguro che il dato non sia aggiornato o che ci […]

L’articolo Contro la siccità a disposizione 1,2 miliardi, Musumeci: “Usato solo il 30 per cento” proviene da TeleOne.

Published

on

Contro la siccità “abbiamo messo a disposizione 1,2 miliardi per le regioni: 400 milioni per progetti già in essere e 800 milioni per nuove iniziative. Il ministro Fitto mi dice che solo circa il 30% risulta essere stato finora utilizzato. Bisogna concludere entro giugno 2026.
Mi auguro che il dato non sia aggiornato o che ci sia un arretrato sul quale le regioni sapranno lavorare con grande impegno per recuperare il tempo perduto”.

Lo ha detto il ministro per la Protezione Civile, Nello Musumeci, durante la conferenza di presentazione del nuovo capo Dipartimento, Fabio Ciciliano.

“Abbiamo elaborato 500 interventi – ha aggiunto – per un piano che si dovrebbe realizzare in 10 anni. Si tratta di miliardi e miliardi di euro. Dalla sola Sicilia sono arrivate 52 proposte.
Basti pensare che in italia non si fanno dighe da 40 anni”.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

“C’è bisogno poi della riqualificazione della rete urbana di distribuzione, anche se l’anello più debole è quello della cultura dell’approccio all’uso dell’acqua per evitare gli sprechi – ha spiegato Musumeci -. Cominciamo a pensare all’acqua di mare e alle acque reflue. In alcune parti si stanno già realizzando strutture in questo senso. Si tratta di un processo lungo ma questo governo la strada l’ha già imboccata. Dobbiamo dotare il territorio delle necessarie infrastrutture. La cabina di regia lavora con grande impegno e speriamo che continuino ad arrivar dalle regioni i risultati sperati”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Fondachello, “incongruenze” sulla scena del presunto suicidio: le indagini

Il giallo sulla morte della donna trentottenne nella casa di villeggiatura: varie ipotesi in ballo

L’articolo Fondachello, “incongruenze” sulla scena del presunto suicidio: le indagini proviene da TeleOne.

Published

on

Si infittisce il giallo sul presunto suicidio della donna di 38 anni di Catania trovata morta nella sua casa di villeggiatura a Fondachello, sul lungomare di Mascali. Il corpo della donna, madre di due figli di 10 e 20 anni, è stato rinvenuto impiccato nella doccia del bagno dell’appartamento, al primo piano di un complesso residenziale di via Spiaggia.

Le indagini sul decesso, inizialmente classificato come suicidio, sono coordinate dal magistrato Fabio Regolo e vedono il compagno della donna, un 40enne catanese, al centro dell’attenzione degli inquirenti.

Nonostante l’uomo non sia indagato, alcune incongruenze nella scena del crimine e la sua versione dei fatti hanno spinto gli investigatori a non escludere l’ipotesi di omicidio.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Tra i dubbi dei carabinieri della Compagnia di Giarre c’è il tipo di nodo trovato al collo della vittima, considerato troppo elaborato per un suicidio.

L’autopsia, disposta dalla Procura di Catania, dovrebbe fornire ulteriori elementi per chiarire la dinamica dei fatti e la reale causa del decesso. L’interrogatorio del compagno della vittima, l’analisi del luogo del delitto e l’esito dell’autopsia saranno cruciali per fare luce sul giallo di Fondachello. Restano, dunque, ancora molti punti da chiarire in questa vicenda.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Strage di Altavilla: Procura di Termini Imerese chiede perizia psichiatrica per Barreca

Coinvolti quattro sospettati nel macabro rito di esorcismo nella cittadina in provincia di Palermo: gli sviluppi

L’articolo Strage di Altavilla: Procura di Termini Imerese chiede perizia psichiatrica per Barreca proviene da TeleOne.

Published

on

La procura di Termini Imerese ha chiesto l’incidente probatorio al gip per valutare le condizioni di Giovanni Barreca, accusato di aver ucciso la moglie Antonella Salamone e i figli Kevin ed Emanuele nella loro villetta ad Altavilla Milicia.

L’omicidio, avvenuto la notte tra l’8 e il 9 febbraio, vede Barreca, muratore di 54 anni, accusato insieme alla figlia 17enne, Sabrina Fina e Massimo Carandente.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Intanto, le indagini proseguono per ricostruire i dettagli del triplice omicidio. La procura ha richiesto una perizia psichiatrica per valutare la capacità di intendere e di volere di Giovanni Barreca. Secondo l’accusa, l’uomo avrebbe compiuto il crimine con l’aiuto della figlia e della coppia, tutti frequentatori di una comunità di fanatici religiosi.

Antonella Salamone e i due figli sarebbero stati uccisi in un rito di esorcismo, volto a liberarli dal demonio. Le autorità stanno ancora cercando di capire come sia avvenuto il macabro evento e il ruolo di ciascun sospettato nel tragico accaduto.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Salvini: “Siccità, la Sicilia emergenza nazionale: interventi per 92 milioni di euro”

“Presentato un primo stralcio di programmazione finanziato con circa 950 milioni di euro”

L’articolo Salvini: “Siccità, la Sicilia emergenza nazionale: interventi per 92 milioni di euro” proviene da TeleOne.

Published

on

La situazione che riguarda la siccità in Sicilia “rappresenta un’emergenza nazionale per la quale stiamo mettendo in campo ogni azione utile a superare criticità emerse ed evidenti da anni”.

Lo afferma il vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, rispondendo a un question time alla Camera.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI!

“Il ministero ha concluso la fase istruttoria per il piano nazionale di interventi infrastrutturali e per la sicurezza del settore idrico, lo scorso 29 maggio, nella medesima seduta ho presentato un primo stralcio di programmazione finanziato con circa 950 milioni di euro di risorse del mio ministero”. “Una quota importante è per la Sicilia pari a circa il 10% e riguarderà 7 interventi per 92 milioni di euro su un totale di 75 opere idriche finanziate in tutta Italia.
La seduta della conferenza delle Regioni prevista per domani, mi auguro, darà l’intesa”, conclude il vicepremier.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati