Connect with us

Sicilia

Decreto anti-rave party, a Palermo gli studenti scendono in piazza

I ragazzi temono misure anche contro occupazioni di aule o scuole: a Palermo studenti in piazza contro il decreto anti-rave party – LEGGI

Published

on

La stretta sui rave party, prevista dal nuovo Governo Meloni con un decreto, continua a turbare i sonni dei giovani italiani e degli studenti in particolare che temono che le misure possano essere applicate anche a picchetti, occupazioni di aule e di scuole e a varie forme di dissenso.

A creare polemiche è soprattutto quella che gli studenti definiscono “la vaghezza del testo” che darebbe alle forze dell’ordine uno strumento repressivo che va ben oltre i cosiddetti rave.
(👇 👇 continua sotto 👇👇)
👉 Rimanete aggiornati, seguite TELEONEMAG su Facebook! (clicca qui 💪)

Così oggi centinaia di studenti sono scesi in piazza a Palermo per il corteo organizzato dal coordinamento “Studenti palermitani” contro il decreto anti-rave del governo Meloni.

I manifestanti hanno raggiunto il concentramento partendo dalle scuole con cortei non autorizzati, bloccando il traffico e la circolazione. Un gruppetto ha invaso la stazione centrale. I giovani stanno manifestando anche per dire basta morti di alternanza scuola-lavoro e per chiedere al ministero investimenti per le strutture fatiscenti.

A Palermo, nello striscione di testa si legge “Una scuola pubblica e di qualità ce la meritiamo tutti”; accanto, le immagini del premier Meloni e dei ministri Salvini e Piantedosi.

“La scusa è quella di bloccare i rave e tutelare l’ordine e la salute pubblica, ma nel testo non si menziona neppure una volta la parola rave e anzi si specifica di voler inasprire le pene a chiunque si rende protagonista di un generico raduno, che prevede l’occupazione di una struttura pubblica o privata e include più di 50 persone – sostengono gli studenti – Il criterio è generico e l’applicazione lasciata all’arbitrarietà delle singole questure, che potrebbero usare il decreto contro le occupazioni politiche, portate avanti per ridare vita a un edificio abbandonato, o contro un raduno non autorizzato in piazza per manifestare dissenso”.
📽 GUARDA TUTTI I VIDEO
🔴 LEGGI ANCHE:
Palermo, sfonda con l’auto il portone dell’assessorato: ferito usciere, è grave
Alunno lo prende in giro in classe, il prof gli dà un pugno: sospeso – il VIDEO
Tragedia sfiorata: tir fuori controllo, impatto frontale evitato – VIDEO
Palermo, cade al cimitero dentro una tomba e sprofonda per 3 metri
Rubano un’auto per una sfida Tiktok: incidente, morti 4 ragazzi fra 14 e 19 anni
La tragedia di Sofia e Francesco, 20enni scomparsi dopo la discoteca: trovati morti
Pitbull sbrana e uccide fratellini di 5 mesi e due anni, grave la mamma
Terremoto Messico, lo scioccante “effetto onde” sul grattacielo – il VIDEO

Cronaca

Contro la siccità a disposizione 1,2 miliardi, Musumeci: “Usato solo il 30 per cento”

Contro la siccità “abbiamo messo a disposizione 1,2 miliardi per le regioni: 400 milioni per progetti già in essere e 800 milioni per nuove iniziative. Il ministro Fitto mi dice che solo circa il 30% risulta essere stato finora utilizzato. Bisogna concludere entro giugno 2026.Mi auguro che il dato non sia aggiornato o che ci […]

L’articolo Contro la siccità a disposizione 1,2 miliardi, Musumeci: “Usato solo il 30 per cento” proviene da TeleOne.

Published

on

Contro la siccità “abbiamo messo a disposizione 1,2 miliardi per le regioni: 400 milioni per progetti già in essere e 800 milioni per nuove iniziative. Il ministro Fitto mi dice che solo circa il 30% risulta essere stato finora utilizzato. Bisogna concludere entro giugno 2026.
Mi auguro che il dato non sia aggiornato o che ci sia un arretrato sul quale le regioni sapranno lavorare con grande impegno per recuperare il tempo perduto”.

Lo ha detto il ministro per la Protezione Civile, Nello Musumeci, durante la conferenza di presentazione del nuovo capo Dipartimento, Fabio Ciciliano.

“Abbiamo elaborato 500 interventi – ha aggiunto – per un piano che si dovrebbe realizzare in 10 anni. Si tratta di miliardi e miliardi di euro. Dalla sola Sicilia sono arrivate 52 proposte.
Basti pensare che in italia non si fanno dighe da 40 anni”.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

“C’è bisogno poi della riqualificazione della rete urbana di distribuzione, anche se l’anello più debole è quello della cultura dell’approccio all’uso dell’acqua per evitare gli sprechi – ha spiegato Musumeci -. Cominciamo a pensare all’acqua di mare e alle acque reflue. In alcune parti si stanno già realizzando strutture in questo senso. Si tratta di un processo lungo ma questo governo la strada l’ha già imboccata. Dobbiamo dotare il territorio delle necessarie infrastrutture. La cabina di regia lavora con grande impegno e speriamo che continuino ad arrivar dalle regioni i risultati sperati”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Fondachello, “incongruenze” sulla scena del presunto suicidio: le indagini

Il giallo sulla morte della donna trentottenne nella casa di villeggiatura: varie ipotesi in ballo

L’articolo Fondachello, “incongruenze” sulla scena del presunto suicidio: le indagini proviene da TeleOne.

Published

on

Si infittisce il giallo sul presunto suicidio della donna di 38 anni di Catania trovata morta nella sua casa di villeggiatura a Fondachello, sul lungomare di Mascali. Il corpo della donna, madre di due figli di 10 e 20 anni, è stato rinvenuto impiccato nella doccia del bagno dell’appartamento, al primo piano di un complesso residenziale di via Spiaggia.

Le indagini sul decesso, inizialmente classificato come suicidio, sono coordinate dal magistrato Fabio Regolo e vedono il compagno della donna, un 40enne catanese, al centro dell’attenzione degli inquirenti.

Nonostante l’uomo non sia indagato, alcune incongruenze nella scena del crimine e la sua versione dei fatti hanno spinto gli investigatori a non escludere l’ipotesi di omicidio.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Tra i dubbi dei carabinieri della Compagnia di Giarre c’è il tipo di nodo trovato al collo della vittima, considerato troppo elaborato per un suicidio.

L’autopsia, disposta dalla Procura di Catania, dovrebbe fornire ulteriori elementi per chiarire la dinamica dei fatti e la reale causa del decesso. L’interrogatorio del compagno della vittima, l’analisi del luogo del delitto e l’esito dell’autopsia saranno cruciali per fare luce sul giallo di Fondachello. Restano, dunque, ancora molti punti da chiarire in questa vicenda.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Strage di Altavilla: Procura di Termini Imerese chiede perizia psichiatrica per Barreca

Coinvolti quattro sospettati nel macabro rito di esorcismo nella cittadina in provincia di Palermo: gli sviluppi

L’articolo Strage di Altavilla: Procura di Termini Imerese chiede perizia psichiatrica per Barreca proviene da TeleOne.

Published

on

La procura di Termini Imerese ha chiesto l’incidente probatorio al gip per valutare le condizioni di Giovanni Barreca, accusato di aver ucciso la moglie Antonella Salamone e i figli Kevin ed Emanuele nella loro villetta ad Altavilla Milicia.

L’omicidio, avvenuto la notte tra l’8 e il 9 febbraio, vede Barreca, muratore di 54 anni, accusato insieme alla figlia 17enne, Sabrina Fina e Massimo Carandente.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Intanto, le indagini proseguono per ricostruire i dettagli del triplice omicidio. La procura ha richiesto una perizia psichiatrica per valutare la capacità di intendere e di volere di Giovanni Barreca. Secondo l’accusa, l’uomo avrebbe compiuto il crimine con l’aiuto della figlia e della coppia, tutti frequentatori di una comunità di fanatici religiosi.

Antonella Salamone e i due figli sarebbero stati uccisi in un rito di esorcismo, volto a liberarli dal demonio. Le autorità stanno ancora cercando di capire come sia avvenuto il macabro evento e il ruolo di ciascun sospettato nel tragico accaduto.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Salvini: “Siccità, la Sicilia emergenza nazionale: interventi per 92 milioni di euro”

“Presentato un primo stralcio di programmazione finanziato con circa 950 milioni di euro”

L’articolo Salvini: “Siccità, la Sicilia emergenza nazionale: interventi per 92 milioni di euro” proviene da TeleOne.

Published

on

La situazione che riguarda la siccità in Sicilia “rappresenta un’emergenza nazionale per la quale stiamo mettendo in campo ogni azione utile a superare criticità emerse ed evidenti da anni”.

Lo afferma il vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, rispondendo a un question time alla Camera.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI!

“Il ministero ha concluso la fase istruttoria per il piano nazionale di interventi infrastrutturali e per la sicurezza del settore idrico, lo scorso 29 maggio, nella medesima seduta ho presentato un primo stralcio di programmazione finanziato con circa 950 milioni di euro di risorse del mio ministero”. “Una quota importante è per la Sicilia pari a circa il 10% e riguarderà 7 interventi per 92 milioni di euro su un totale di 75 opere idriche finanziate in tutta Italia.
La seduta della conferenza delle Regioni prevista per domani, mi auguro, darà l’intesa”, conclude il vicepremier.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati