Il caso del “sospetto avvelenamento” di Roman Abramovich durante i colloqui di pace

Il caso del “sospetto avvelenamento” di Roman Abramovich durante i colloqui di pace

29/03/2022 0 Di redazione

Il miliardario russo Roman Abramovich ha sofferto di sintomi di sospetto avvelenamento durante i colloqui di pace al confine tra Ucraina e Bielorussia all’inizio di questo mese, affermano fonti a lui vicine. Il proprietario del Chelsea FC – che ora si è ripreso – avrebbe riportato dolori agli occhi e desquamazione della pelle.

Si dice che siano stati colpiti anche due negoziatori di pace ucraini. Un rapporto affermava che il presunto avvelenamento era stato orchestrato da estremisti russi che volevano sabotare i colloqui. Poco dopo che le accuse sono emerse, un funzionario statunitense senza nome è stato citato da Reuters per aver affermato che l’intelligence suggeriva che i sintomi degli uomini fossero dovuti a fattori “ambientali”, non ad avvelenamento.

E in seguito un funzionario dell’ufficio del presidente ucraino, Ihor Zhovkva, ha detto alla BBC che, sebbene non avesse parlato con Abramovich, i membri della delegazione ucraina stavano “bene” e uno aveva detto che la storia era “falsa”.

Tuttavia, il corrispondente della BBC per la sicurezza Frank Gardner afferma che non sarebbe sorprendente che gli Stati Uniti volessero smorzare i suggerimenti secondo cui qualcuno, in particolare la Russia, avrebbe usato un’arma chimica in Ucraina, poiché ciò potrebbe spingerli ad azioni di rappresaglia a cui sono estremamente riluttanti prendere.