Connect with us

Sport

Capolavoro Italia in Coppa Davis: è vittoria, dopo 47 anni

L’Italia di tennis ce l’ha fatta! Gli azzurri vincono la Coppa Davis 2023 battendo in finale l’Austrialia 2-0

L’articolo Capolavoro Italia in Coppa Davis: è vittoria, dopo 47 anni proviene da TeleOne.

Published

on

L’Italia di tennis ce l’ha fatta! Gli azzurri vincono la Coppa Davis 2023 battendo in finale l’Austrialia 2-0. La squadra di Volandri apre con Matteo Arnaldi, che riesce a superare Popyrin 2-1, con il punteggio di 7-5, 2-6, 6-4. Il secondo match vede invece protagonista Jannik Sinner, che piega de Minaur 2-0 (6-3, 6-0) e chiude i conti trascinando la sua squadra al titolo. Il tricolore torna sul tetto del mondo dopo 47 anni dall’ultima volta.

SINNER-DE MINAUR 6-3 6-0
È Jannik Sinner a portare al successo l’Italia nel secondo singolare di Coppa Davis 2023 a Malaga. L’altoatesino regala il successo agli azzurri con il 2-0 sull’Australia, battendo proprio 2-0 de Minaur, con il punteggio di 6-3, 6-0. Avvio non facile per il numero 4 al mondo, che fatica a tenere il primo servizio. Sull’1-1 ecco che arriva il primo break di Sinner, che indirizza il parziale a suo favore. Jannik è bravo ad annullare una palla break sul 4-3, e va poi a chiudere rubando a sua volta il turno di battuta al suo avversario con il gioco del 6-3. La seconda partita è un piccolo capolavoro del tennista italiano: tre break consecutivi e 6-0 in pochissimi minuti, con l’australiano che varia tanto le sue opzioni di gioco ma non riesce minimamente ad impensierire il suo avversario. Sinner allarga le braccia al cielo ed esulta per un vero e proprio capolavoro per il tennis italiano, che torna sul tetto del mondo dopo Santiago 1976.

POPYRIN-ARNALDI 5-7 6-2 4-6
Un match ricco di ribaltoni e colpi di scena regala all’Italia il punto del vantaggio nella finalissima della Coppa Davis: Matteo Arnaldi sa ritrovarsi, dopo un secondo set complicato, e sconfigge Alexei Popyrin in 2h27′ col punteggio di 7-5, 2-6, 6-4. Il match inizia subito col piede giusto per l’azzurro, che approfitta dei due errori del rivale col dritto per portarsi sull’1-0. L’inerzia sembra a favore di Matteo, che vola sul 3-1 contro un Popyrin molto impreciso, ma si fa riacciuffare sbagliando a sua volta dei palloni semplici. Da qui inizia una fase equilibrata che vale il 4-4, dopo un game da 14 punti. Lo scatto che sembra decisivo è di Arnaldi, ma il nostro portacolori si fa annullare tre set point sul 5-4 e viene ancora raggiunto dall’australiano. Dopo soli dieci game, fioccano gli errori gratuiti (16) e le giocate tutt’altro che esaltanti dei tennisti, molto tesi in questa finalissima. Arnaldi effettua un clamoroso comeback nel gioco seguente, annullando due palle break e conquistandolo con quattro punti consecutivi, prima di chiudere sul 7-5 dopo 55′ di gioco e ben 15 gratuiti dell’azzurro.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Sembra il momento di svolta, a livello mentale, della sfida e invece il 22enne sanremese si perde completamente. Arnaldi commette cinque doppi falli nel secondo set contro un Popyrin dal 74% di prime al servizio, sbaglia tantissimo sia quando attacca che quando deve difendere e perde quattro game consecutivi. Da qui in poi il set è compromesso, a nulla servono i due scatti d’orgoglio che valgono rispettivamente il 4-1 e il 5-2, annullando due set point. Nel suo turno al servizio, Popyrin firma il meritato 6-2 dopo 36′. Nel terzo set Arnaldi sa di essere con le spalle al muro e, dopo il toilet break, alza nuovamente il livello del suo gioco. Il ligure vola sul 2-1 con due game vinti nello stesso identico modo: sotto 40-15, porta Popyrin ai vantaggi e lo costringe all’errore gratuito. L’australiano pareggia coi suoi turni di servizio, ma spreca sette palle break e viene portato sul 4-4 da Arnaldi, che soffre di un piccolo “braccino” nel game che potrebbe portarlo a giocarsi la vittoria. Tornano gli errori al servizio, ma l’azzurro sa superarli con un ace e una sontuosa palla corta. Nasce così il 5-4 che mette pressione a Popyrin, che affonda a suon di errori gratuiti e regala la vittoria all’Italia con un errore sul primo (ed unico) match point. Arnaldi lo batte dopo 2h27′ di gioco col punteggio di 7-5, 2-6, 6-4 ed è 1-0 azzurro.

Il 22enne ligure parla così nel post-gara: “Sono contento delle emozioni che ho provato. Questa è vittoria molto importante, che dedico a una persona che è venuta a mancare qualche giorno fa, ed era cara a me e ala mia ragazza. Non ho giocato la mia miglior partita, ma non avevo mai affrontato una finale di questo calibro. Sono soddisfatto del risultato”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Cronaca

Servizi sportivi per Universitari: Ersu e Comune di Palermo rilanciano l’intesa

“Sarà avviato percorso per dotare di attrezzature sportive uno spazio della residenza San Saverio”

L’articolo Servizi sportivi per Universitari: Ersu e Comune di Palermo rilanciano l’intesa proviene da TeleOne.

Published

on

A Palermo, presso i locali della presidenza dell’Ersu, in viale Delle Scienze, si è svolto un incontro tra la presidente Ersu Palermo, Margherita Rizza, e l’assessore comunale al Turismo, sport, impianti sportivi e politiche giovanili, Alessandro Anello.

All’incontro hanno preso parte anche i rappresentanti degli studenti nel Consiglio di amministrazione, Irene Ferrara, Giovanni Milisenda, Francesco Salatiello, insieme al direttore Ersu, Ernesto Bruno. “Intento dell’incontro – è stato spiegato – è quello di dare corso al protocollo già sottoscritto un anno fa con il sindaco Roberto Lagalla, anche sotto il profilo delle politiche in favore dei giovani universitari che studiano a Palermo, in relazione ai servizi sportivi e alle politiche giovanili”.

In particolare, i rappresentanti degli studenti universitari hanno chiesto al Comune di velocizzare le procedure per la riapertura del Parco Cassarà, in via Ernesto Basile, accanto la città universitaria. Irene Ferrara, Giovanni Milisenda e Francesco Salatiello hanno chiesto all’assessore comunale allo Sport anche di verificare la possibilità di dotare la residenza universitaria San Saverio di attrezzi sportivi per creare una zona all’interno della casa dello studente dedicata al fitness e, quindi, a un corretto stile di vita.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

“L’Ersu Palermo – dichiara la presidente, Margherita Rizza – vuole rafforzare il dialogo con il Comune di Palermo, città a vocazione universitaria con le sue università, accademia di belle arti e conservatorio di musica. Sicuramente attivare sinergie per rendere Palermo sempre più accogliente anche per gli studenti fuorisede può contribuire a rafforzare anche l’immagine delle università e degli istituti di alta formazione artistica e musicale, rendendo più attraenti le istituzioni che fanno della formazione di livello universitario la propria missione”.

“L’amministrazione comunale rinnova la sinergia con l’Ersu per le politiche in favore degli universitari che studiano a Palermo, in particolare per i servizi sportivi – dichiara l’assessore comunale al Turismo, sport, impianti sportivi e politiche giovanili, Alessandro Anello – Ho raccolto le richieste degli studenti e avvieremo un percorso per dotare di attrezzature sportive uno spazio della residenza San Saverio. Stesso impegno sarà garantito sul passaggio dal Parco Cassarà, con l’esigenza degli studenti di raggiungere il Cus in maniera più agevole tramite l’apertura di un varco, richiesta quest’ultima da valutare tenendo conto delle note criticità legate alla bonifica dell’amianto dal terreno”. (Italpress)

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Continue Reading

Sport

Palermo-Ternana, Corini: “Noi troppo frenetici e confusionari”

Il tecnico del Palermo spiega le difficoltà anche dal punto di vista tattico

L’articolo Palermo-Ternana, Corini: “Noi troppo frenetici e confusionari” proviene da TeleOne.

Published

on

Il rammarico nella notte del Renzo Barbera è espresso anche dal tecnico dei rosanero, Eugenio Corini, che spiega i motivi del crollo interno. “Avevamo approcciato la partita bene – ha spiegato l’allenatore – ed eravamo riusciti anche ad andare subito in controllo, ma alla prima occasione buona la Ternana ha trovato il vantaggio”.

“Pensavamo che potevamo far gol in qualsiasi momento, ma anche gli avversari – ha proseguito – erano molto determinati. Poi, siamo diventati frenetici e confusionari, non abbiamo fatto una buona partita preso il 2 a 1. Secondo me abbiamo fatto bene nel primo tempo”. Il tecnico spiega le difficoltà anche dal punto di vista tattico: “Fino all’ora di gioco – ha detto – era una buona gara, poi abbiamo forzato troppo le giocate e ci siamo allungati”.

(www.teleone.it)

Continue Reading

Sport

Palermo, è una tripla doccia fredda: fallisce la “sesta”, ride la Ternana

I tre punti vanno agli umbri nella sfida infrasettimanale valida per la 27esima del torneo di Serie B

L’articolo Palermo, è una tripla doccia fredda: fallisce la “sesta”, ride la Ternana proviene da TeleOne.

Published

on

Fallisce la missione-riscatto: dopo il pareggio di Cremona (LEGGI) il Palermo esce sconfitto dopo lungo tempo al Renzo Barbera, e manca soprattutto la grande chance per proiettarsi verso la seconda posizione di classifica. In viale del Fante è la Ternana a sorridere, con un 2-3 che frena un po’ gli entusiasmi delle ultime settimane. Mancata la sesta vittoria consecutiva davanti ai propri tifosi, il Palermo ha tuttavia – come rimarcato da Corini in conferenza – tutto il tempo per riprendere la volata per le posizioni che contano.

Il primo tempo è godibile e vivace sin dai primi minuti. Ma la gran festa del Renzo Barbera, che ha accolto i rosa con oltre 27mila presenze, è interrotta dal vantaggio umbro. Ospiti che vanno avanti con Pereiro, che trova l’angolino giusto con un velenoso rasoterra. Il pareggio è però un capolavoro, ed arriva grazie alla cannonata di Lund – al rientro -, alla prima rete con la maglia rosa.

Più lento e “tattico” il secondo tempo, che per l’ennesima volta nel corso della stagione vede la squadra di Corini in difficoltà. E la doccia fredda per i padroni di casa arriva puntuale prima della metà della frazione, quando Luperini serve un pallone facile facile a Pyyhtia, che fa 1-2 dalla brevissima distanza. Le cose si mettono peggio ad un quarto d’ora dalla fine, quando Raimondo fulmina ancora Pigliacelli con un gran diagonale su azione in contropiede. A nulla serve il 2-3 di Brunori, che va fortunosamente a segno nell’ultimo minuto di recupero. (foto archivio)

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWSSeguici cliccando QUI! 🖋

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Sport

Palermo, che peccato: la Cremonese rimonta, è 2-2

La sfida dello Zini, valida per la ventiseiesima giornata del campionato di Serie B

L’articolo Palermo, che peccato: la Cremonese rimonta, è 2-2 proviene da TeleOne.

Published

on

Il Palermo “assaggia” il secondo posto in classifica, poi la Cremonese reagisce e impone il pareggio. Allo Zini grande chance persa dai rosanero, che dopo un ottimo primo tempo, chiuso in vantaggio di due reti, hanno sofferto cinque minuti a gran ritmo (inizio ripresa) dei grigiorossi.

Alla fine, con un uomo in meno (dalla metà del primo tempo) la squadra di Stroppa ritrova il 2-2 e mantiene invariate le distanze in classifica. Occasione sciupata per Brunori e compagni, anche se, in definitiva, il pareggio sul campo di una diretta concorrente per la promozione è da accogliere positivamente.

Il Palermo sblocca il risultato dopo la “chiamata” a metà ripresa del Var, che invita Massa a rivedere l’azione e concedere penalty per il tocco di braccio di Sernicola. Cartellino rosso per il giocatore di casa, e Brunori spiazza il numero uno di casa e sigla il gol numero 10 in campionato.

La sfida si mantiene su alti ritmi, ed anche la Cremonese si fa vedere in zona Pigliacelli. Ma il gol è nuovamente a tinte rosanero, ed è ancora una volta firmato Ranocchia: prima dell’intervallo sull’assist di Diakitè l’ex Juve infila lo 0-2 e la quarta rete personale in cinque gare. 

La ripresa si apre all’insegna della reazione cremonese, con Castagnetti che fa 1-2 dopo la ribattuta di Pigliacelli sulla gran botta di Coda. E nemmeno al 5′ i grigiorossi ritrovano la parità con lo stesso bomber, che fulmina il portiere ospite da posizione defilata.

L’entusiasmo sugli spalti (circa 3500 gli spettatori rosanero a Cremona), lascia già prevedere un altro pienone al Renzo Barbera, dove il Palermo affronterà la Ternana martedì sera per l’infrasettimanale (fischio d’inizio alle 20.30).

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati