Connect with us

Cronaca

È già profumo di cous cous, a San Vito: al via la 26esima edizione del Festival

Ancora una volta riuniti Paesi e culture diverse per promuovere la pace, lo scambio e la multiculturalità

L’articolo È già profumo di cous cous, a San Vito: al via la 26esima edizione del Festival proviene da TeleOne.

Published

on

Si riparte ancora una volta, a San Vito lo Capo: dal 15 al 24 settembre nella cittadina turistica del Trapanese, al via la 26esima edizione del Cous cous Fest. Per l’edizione 2023 saranno otto i Paesi partecipanti al festival internazionale dell’integrazione culturale. Si troveranno riuniti, ancora una volta, Paesi e culture diverse per promuovere la pace, lo scambio e la multiculturalità.

Quest’anno il tutto all’insegna dello slogan Beyond Borders (Oltre i confini). Chef provenienti da tutto il mondo, ospiti e artisti saranno a San Vito Lo Capo per una dieci giorni di appuntamenti, sfide di cucina, degustazioni, concerti e incontri culturali.

Il Campionato del mondo di cous cous, il Bia Cous cous world championship, è il momento centrale del Cous Cous Fest: una gara tra chef internazionali all’insegna dello scambio e dell’integrazione. Quest’anno sono 8 le squadre di chef in gara provenienti da: Algeria, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Tunisia e, per la prima volta al festival, Messico e Portogallo.

Le sfide del Campionato, promosso da Bia CousCous, azienda produttrice di cous cous da oltre 15 anni al fianco del festival, si svolgeranno da giovedì 21 a sabato 23 settembre in piazza Santuario. “Dal 2007 siamo a fianco del Cous Cous Fest perché l’evento ha sempre sposato valori nei quali l’azienda si riconosce e che abbiamo sempre veicolato: internazionalizzazione, integrazione, salubrità, sostenibilità. Bia, infatti, esporta in oltre 50 Paesi ed il couscous è uno dei pochi prodotti che davvero entra in tutte le cucine del mondo”, ha spiegato Luciano Pollini, fondatore di Bia couscous”.

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

“Continueremo senza dubbio la partnership anche negli anni a venire – aggiunge Francesco Formisano, Ceo di Bia Couscous – proseguendo il lavoro di sviluppo e diffusione che da sempre ha caratterizzato Bia inoltre, grazie al gruppo B.F., di cui Bia è entrata a far parte nel 2022, ci saranno certamente nuove opportunità e sinergie per continuare ad evidenziare la versatilità e le infinite declinazioni che questo prodotto può avere”.

L’Algeria gareggia con gli chef Malky Fayçal e Mohamed Boumendjel che lavorano entrambi all’ESHRA Ecole Hôtelière di Oran, istituto per la formazione di professionisti dell’industria alberghiera e della ristorazione. Gli chef presenteranno la ricetta dal titolo “Couscous Madegh” a base di cous cous di carruba, gambero bianco, affumicato di pesce, verdure e anguria.
L’Israele schiera Tseela Rivka Rubinstein e Mauro Galigani, coppia anche nella vita, che gestisce a Lucca Cooking in Toscana, ristorante di cucina tradizionale regionale, ma anche luogo di eventi e cooking class. Gli chef faranno assaggiare il Cous couse, alla paprika e coriandolo.

L’Italia sarà rappresentata dallo chef sanvitese, Antonino Grammatico, che lavora all’Hotel Ristorante Oasi Da Paolo e dal vincitore del Campionato italiano di cous cous. Per il Marocco in gara Abdessamad Bel-Kentaoui e Ihiya Hassan, rispettivamente sous chef e junior sous chef al Four Seasons Resort a Marrakesh che prepareranno il “Cous cous Khoumassi, scampo al midollo, melanzana e spezie del Marocco”, mentre il Messico è rappresentato da Diana Beltran chef alla guida di “La Cucaracha”, il primo ristorante messicano ad avere aperto a Roma, inaugurato dall’Ambasciatore del Marocco nella Capitale, Tovar y de Teresa.

La chef, in Italia dal 1987, è la referente gastronomica della cucina messicana a Roma anche per l’Ente per la Promozione Turistica in Italia e tiene diversi corsi di cucina. Con lei in squadra Rodrigo Zepeda Sánchez, chef ufficiale dell’Ambasciata del Marocco a Roma. La ricetta con la quale gareggiano si chiama Mestizo ed è un cous cous a base di manzo e maiale macinati, pomodoro e peperoncini.

La Palestina è rappresentata da Manar Saman Hanna Khalilieh e Shady Hasbun, chef, docente e formatore di scienze gastronomiche con base ad Arezzo, che presenteranno “Il cous cous riscaldato”, una reinterpretazione di una ricetta tipica palestinese, il “Msakhan”, un cous cous a base di cipolle e pollo speziati al sommacco. Il Portogallo schiera Marilia Oliveira, chef al timone di “O Boteco”, il primo ristorante ligure-portoghese in Italia, a Genova, che preparerà un cous cous a base di baccalà, carote, zucchine e finocchio. La Tunisia, infine, gareggia con Mohamed Ali Ben Abouda, di origini sfaxiane, membro dell’Associazione tunisina dei professionisti dell’arte culinaria, e Ben Slimene Belhassen: entrambi in forze esecutive al ristorante Via Mercato a Tunisi che presenteranno il “Cous cous di Diaritus”, a base di cozze, gamberi rossi e verdure.

Ad assaggiare i piatti ci sono due giurie: una tecnica, formata da esperti di cucina guidati da Giusi Battaglia, volto di Giusina in cucina su Food Network e una popolare. Infatti anche il pubblico partecipa alle sfide: basta acquistare i ticket (20 euro, 30 euro la finale), per degustare i piatti, abbinati ad etichette siciliane, e votare le ricette. I ticket sono disponibili anche on line, e per pochi giorni in promozione, sul sito www.couscousfest.it.

Continua, inoltre, la preziosa collaborazione con l’Istituto professionale di Stato per i servizi di enogastronomia e l’ospitalità alberghiera Pietro Piazza di Palermo, guidato dal dirigente scolastico Vito Pecoraro. Anche quest’anno un gruppo di studenti, accompagnati dai professori Salvatore Reginella, Salvatore Seminara, Francesco Lipari e Rosario Picone, sarà di supporto a tutti gli appuntamenti del Bia Theatre sia in sala che in cucina. Tra di loro saranno presenti, in un’ottica di inclusività che è la bandiera del festival, anche ragazzi con bisogni educativi speciali.

Il Cous Cous Fest è organizzato dall’agenzia Feedback in partnership con il Comune di San Vito lo Capo, il sostegno della Regione Siciliana, dei main sponsor Bia CousCous, Conad, Electrolux e Kia e degli official sponsor Amadori, Cia – Agricoltori italiani Sicilia Occidentale, Premiati Oleifici Barbera, Acqua Maniva, Tenute Orestiadi e UniCredit. La direzione artistica è invece di Massimo Bonelli, già direttore artistico del Concerto del Primo Maggio di Roma e della sua iCompany.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Cronaca

Scicli, il 40enne Giuseppe Ottaviano è stato ucciso: svolta nelle indagini

Era stato ritrovato senza vita domenica scorsa, 12 maggio, in via Manenti, si segue la pista dell’omicidio

L’articolo Scicli, il 40enne Giuseppe Ottaviano è stato ucciso: svolta nelle indagini proviene da TeleOne.

Published

on

Era diventato un giallo, il caso di Giuseppe Ottaviano, ma adesso c’è la svolta nelle indagini: dopo l’autopsia sul corpo del quarantenne, che era stato ritrovato senza vita domenica scorsa, 12 maggio, in via Manenti, si segue la pista dell’omicidio.

LEGGI ANCHE: Tracce di sangue, nessuna risposta: Scicli, un giallo la morte di Peppe Ottaviano

“Le prime risultanze dell’esame autoptico hanno evidenziato ulteriori traumi subiti dalla vittima, oltre a quelli già emersi dalla prima ispezione cadaverica in cui erano state da subito rilevate due ferite al capo e la frattura del setto nasale. Le gravi lesioni emerse sul corpo di Ottaviano, che hanno prodotto anche la rottura di 4 costole e una frattura della scatola cranica, escludono la possibilità di un evento accidentale o di traumi autoinferti”.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Questo quanto affermano i carabinieri. Domenica i parenti dell’uomo si erano rivolti ai militari, che avevano scoperto il cadavere. Secondo quanto sarebbe emerso nei giorni scorsi, nella giornata di sabato Peppe, come veniva chiamata la vittima, si trovava in casa con amici. Ma le verifiche vanno avanti.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

L’oroscopo di sabato 18 maggio: Vergine, un successo i progetti in cantiere

L’oroscopo di sabato 18 maggio: Vergine, un successo i progetti in cantiere

L’articolo L’oroscopo di sabato 18 maggio: Vergine, un successo i progetti in cantiere proviene da TeleOne.

Published

on

OROSCOPO DEL GIORNO – ARIETE

La Luna in Bilancia vi rema contro: sono assolutamente da evitare gli impulsi precipitosi, quei colpi di testa, quelle parole che potrebbero mettervi in cattiva luce. Certi atteggiamenti potrebbero avere l’effetto di un boomerang; quindi non è il caso di rischiare! Non siate superficiali, e potrete raccogliere non pochi frutti dal vostro lavoro, anche sotto il profilo economico.

OROSCOPO DEL GIORNO – TORO

Il settore professionale vi regala svolte e possibilità di riuscita incredibili: anche le noie burocratiche oggi prendono una piega migliore. Qualunque sia la vostra attività, navigate a vele spiegate. Siete decisi, precisi, puntuali, affidabili, organizzati, comunicativi come non mai! La serata regala grandi passioni ai single, intesa magnifica sotto le lenzuola a chi è in coppia.

OROSCOPO DEL GIORNO – GEMELLI

La Luna in Bilancia, un segno d’Aria come il vostro, è un balsamo miracoloso per il vostro umore: l’ideale per superare i contrattempi che sarete chiamati a risolvere oggi. Gestite al meglio le questioni pratiche, poi avrete tutto il tempo per lo svago e il relax. L’amore raggiunge livelli di importanza e di intensità inconsueti. Risolverete un malanno che vi tormenta da tempo.

OROSCOPO DEL GIORNO – CANCRO

La Luna in Bilancia mette in campo un po’ di malumore, ma Mercurio e Venere potrebbero offrirvi buone occasioni per recuperare. Non date spazio all’agitazione e affrontate gli ostacoli con spirito razionale e propositivo. Seguite l’invito della bella stagione e muovetevi all’aria aperta invece di trascorrere tutto il vostro tempo libero su Facebook, chattando in internet.

OROSCOPO DEL GIORNO – LEONE

Approfittate della volta celeste odierna, favorevole, per porre fine a quei contrasti che appesantiscono da un po’ di tempo la sfera sentimentale. Gli astri imprimono forza alle vostre decisioni e le solite ansie lasciano spazio all’autocontrollo. La vostra ambizione non si ferma davanti a nulla e se vi siete messi in testa di raggiungere un traguardo, anche impegnativo, ce la farete.

OROSCOPO DEL GIORNO – VERGINE

Ecco un giorno sereno, in cui farvi comprendere vi risulterà facilissimo. Se a mettervi in ansia è una faccenda familiare, prendetevela comoda e dormite tra due guanciali: con gli astri a favore non potrà che andare a gonfie vele. Tranquillità e dialoghi nella coppia. Inviti a cena da accettare al volo. Progetti in cantiere che riscuotono un successo insperato.

OROSCOPO DEL GIORNO – BILANCIA

Giorno foriero di novità, che si rifletteranno in ogni settore della vostra vita. Idee chiare, grinta e rapidità nel prendere le decisioni saranno le carte vincenti da giocare in questo giorno, soprattutto se avete un’attività commerciale. Siete innamorati? Il cuore ha bisogno di qualcosa di nuovo: prendete delle iniziative anche se le considererete un po’ folli, un po’ azzardate.

OROSCOPO DEL GIORNO – SCORPIONE

Bella forza che vi sentite stanchi e un po’ confusi: Sole, Luna, Mercurio e Venere si disinteressano completamente a voi. La vostra intelligenza e la vostra astuzia, ciò nonostante, vi difenderanno nelle faccende più delicate. Eviterete così passi falsi nel lavoro e fastidiose discussioni sia in famiglia che con il partner! Ricaricate le batterie. Rimandate qualche impegno.

OROSCOPO DEL GIORNO – SAGITTARIO

Non vi mancheranno certo la spinta per produrre tanto e bene: saprete dimostrare il vostro talento esecutivo e organizzativo che vi consentirà di spopolare nei settori che più vi premono. Siete alla ricerca dell’anima gemella? Intreccerete conoscenze interessanti, ma al dunque vi mancherà la calma per fare una scelta. Siete in coppia? Tenete a freno la voglia di novità.

OROSCOPO DEL GIORNO – CAPRICORNO

Gli ostacoli da superare oggi non saranno proibitivi, ma sarete voi stessi, ad ingigantire le difficoltà se cederete al pessimismo. Pertanto, non incrinate l’atmosfera di questo giorno con lamentele e discussioni per questioni d’interesse che potrebbero diventare motivo di lite con il partner e con i vostri familiari. Prendetevi cura di voi stessi e del vostro fisico, con decisione.

OROSCOPO DEL GIORNO – ACQUARIO

Successi professionali e finanziari in vista. Cercherete e troverete modi per consolidare la vostra posizione professionale. Oltre a questo, potrete elaborare piani dettagliati per migliorare le entrate di denaro; le situazioni più avvincenti si verificheranno per chi opera nel settore finanziario. Lieti e spensierati, in serata vi tufferete tra le braccia della persona amata.

OROSCOPO DEL GIORNO – PESCI

La Luna odierna amplifica il vostro innato e notevole intuito. Questo vuole dire che se dovrete risolvere un problema, la prima idea che vi verrà in mente si rivelerà probabilmente la migliore. Serata ‘speciale’ per l’amore: passione e romanticismo si fonderanno per regalarvi momenti deliziosi, magici. Anche sotto il profilo professionale il giorno è decisamente favorevole.

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Agrigento, lungo la “strada degli scrittori” nasce Parco dedicato al giudice Livatino

Era conosciuto come il “giudice ragazzino” per via della sua giovanissima età: nel 1990 l’omicidio mafioso

L’articolo Agrigento, lungo la “strada degli scrittori” nasce Parco dedicato al giudice Livatino proviene da TeleOne.

Published

on

Lungo la strada statale 640 “Strada degli Scrittori”, in contrada Gasena nel comune di Agrigento, è stato inaugurato il Parco Livatino dedicato al giovane giudice vittima di mafia.

L’area, di circa 4.500 metri quadrati, si legge in una nota, è stata concessa da Anas per la durata di 10 anni al Co.N.Al.Pa. – Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio, un’associazione no profit che, con l’aiuto di numerosi volontari, ha piantato circa 800 arbusti per abbellire e adornare il nuovo parco. Ogni nuova pianta che crescerà verrà dedicata a una persona vittima innocente di attentati mafiosi. (continua sotto la foto)

Già a metà degli anni ’90 Anas aveva autorizzato l’apposizione di una stele commemorativa sul luogo teatro del martirio del Giudice Livatino affinché non venisse dimenticato il suo sacrificio compiuto in una quotidiana lotta alla mafia, sottolinea la nota. La stele, nel luglio del 2017, è stata vandalizzata e seriamente danneggiata da ignoti, ma dopo due mesi, anche grazie all’interessamento di Anas, è stata ricostruita e restituita alla collettività, evidenzia la nota.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Alla cerimonia di inaugurazione del Parco è stata esposta la camicia intrisa di sangue che il Giudice Livatino indossava la mattina in cui perse la vita sotto i colpi di pistola dei killer di Cosa nostra. All’evento sono intervenuti il vice Prefetto di Agrigento, Massimo Signorelli; l’Arcivescovo di Agrigento, monsignor Alessandro Damiano; il Sindaco di Agrigento Francesco Miccichè; il Direttore della Struttura Territoriale di Anas in Sicilia, Raffaele Celia; il Questore di Agrigento, Tommaso Palumbo e diversi esponenti locali delle Forze di Pubblica Sicurezza.
Rosario Livatino nasce a Canicattì il 3 ottobre 1952. Porta avanti gli studi in Legge con notevole profitto e all’età di 25 anni diventa giudice.

Fin da subito sposa la causa della lotta alla mafia. Livatino era conosciuto come “Il Giudice Ragazzino” per via della sua giovanissima età. Perde la vita da Magistrato in servizio presso il Tribunale di Agrigento, barbaramente ucciso dalla mafia la mattina del 21 settembre del 1990, all’età di 37 anni, sulla SS 640, mentre si recava sul luogo di lavoro privo di scorta, alla quale aveva volutamente rinunciato, pur sapendo di essere finito nell’inesorabile mirino di Cosa nostra.

Il 9 maggio del 2021, nella cattedrale di San Gerlando ad Agrigento, viene proclamato Beato nel corso della messa celebrata dal Cardinale Marcello Semeraro, Prefetto della Congregazione per le cause dei Santi. E’ il primo magistrato Beato nella storia della Chiesa cattolica.

A distanza di tre anni esatti dall’avvenuto compimento del processo di beatificazione – accanto alla stele – è stato deciso di realizzare e di dedicare al “Giudice Ragazzino” un parco che porti il suo nome e che sia luogo di culto, di memoria e di preghiera, ma anche simbolo di lotta a tutte le mafie ed organizzazioni criminali.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Alternativa popolare, Alaimo: “Europee? Rompiamo il Medioevo della politica”

Alfonso Alaimo, coordinatore regionale per la Sicilia di Alternativa Popolare, durante l’evento di presentazione, in vista delle prossime elezioni Europee, del progetto “Il processo democratico in azione” presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca a Messina, ha condiviso le sue emozioni e le motivazioni che spingono lui e il suo partito a candidarsi. “Le […]

L’articolo Alternativa popolare, Alaimo: “Europee? Rompiamo il Medioevo della politica” proviene da TeleOne.

Published

on

Alfonso Alaimo, coordinatore regionale per la Sicilia di Alternativa Popolare, durante l’evento di presentazione, in vista delle prossime elezioni Europee, del progetto “Il processo democratico in azione” presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca a Messina, ha condiviso le sue emozioni e le motivazioni che spingono lui e il suo partito a candidarsi.

“Le emozioni sono sicuramente molteplici perché la competizione è veramente avvincente. Per chi ama la politica, partecipare a una corsa elettorale è sempre qualcosa di emozionante,” ha dichiarato Alaimo. Tuttavia, oltre all’entusiasmo personale, vi è una forte determinazione a rompere con la politica come è stata condotta negli ultimi trent’anni. “Viviamo quello che io non esito a definire un Medioevo della politica,” ha aggiunto Alaimo, criticando un sistema che a suo dire perpetua sé stesso e allontana l’elettorato.

La critica di Alaimo è diretta a una classe politica che, secondo lui, è più interessata a mantenere le proprie posizioni di potere piuttosto che a risolvere i reali problemi del territorio e della cittadinanza. “Noi vogliamo rompere questa continuità e provare a reimpostare il ragionamento politico su dei canoni e su dei criteri che siano quelli del popolarismo europeo,” ha spiegato.

Alaimo sottolinea l’importanza della partecipazione attiva di tutti i cittadini alle dinamiche politiche, favorevole a quelle che definisce le “palestre della politica” rappresentate dalle segreterie dei partiti. “Confrontandoci sul territorio giornalmente, possiamo cominciare ad affrontare, e poi risolvere, le istanze dei cittadini,” aggiunge, evidenziando anche il valore importantissimo dei movimenti giovanili e della politica dentro le scuole, sia come materia di studio che come pratica.

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati