Connect with us

News e Focus

L’attentato in sala concerti a Mosca, l’Isis rivendica l’attacco

Il ministro degli Esteri, Antonio Tajani: “Non abbiamo segnalazioni di italiani, seguiamo situazione e governo condanna atti terroristici”

L’articolo L’attentato in sala concerti a Mosca, l’Isis rivendica l’attacco proviene da TeleOne.

Published

on

E’ di almeno 40 morti e 100 feriti il bilancio di un attentato terroristico avvenuto questo pomeriggio nella sala concerti Crocus City Hall a Mosca. Lo riferisce il Servizio di sicurezza federale della Federazione Russa. In serata, l’Isis ha rivendicato l’attacco. In un post su Telegram, lo Stato islamico ha affermato che i suoi uomini armati sono riusciti a fuggire dopo la sparatoria. Tra le vittime vi sarebbero anche dei bambini. Il comitato investigativo ha aperto un procedimento penale come attacco terroristico.

“Se è accertato che si tratta di terroristi del regime di Kiev è impossibile trattare diversamente loro e i loro ispiratori ideologici. Tutti loro devono essere trovati e distrutti senza pietà come terroristi. Compresi i funzionari statali che hanno commesso una simile atrocità. Morte per morte”, ha detto Dmitry Medvedev capo del Consiglio di sicurezza russo sul suo canale Telegram.

“L’Ucraina certamente non ha nulla a che fare con le sparatorie e le esplosioni a Crocus. Non ha assolutamente senso. Innanzitutto l’Ucraina combatte con l’esercito russo da più di due anni. Tutto in questa guerra sarà deciso solo sul campo di battaglia. Gli attacchi terroristici non risolvono alcun problema”, ha risposto su X, Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky.

Su quanto accaduto a Mosca è intervenuto il ministro degli Esteri, Antonio Tajani. “Non abbiamo segnalazioni di italiani, ho parlato con il nostro incaricato d’affari a Mosca pochi istanti fa e anche l’unità di crisi del ministero degli Esteri non ha avuto alcuna segnalazione o richiesta. Gli italiani che sono iscritti nella nostra app sono stati informati. Seguiamo la situazione e certamente il governo condanna ogni atto terroristico. Siamo vicini alle famiglie delle vittime. Ho informato il presidente del Consiglio e sono in contatto con lei”, ha detto Tajani al Tg1.

Non abbiamo notizie e informazioni, quindi tutto è possibile. Sembra comunque un attacco terroristico e c’è la ferma condanna da parte dell’Italia, stiamo seguendo la vicenda per vedere se ci sono nostri connazionali”, ha aggiunto.

(www.teleone.it)

News e Focus

Violenta grandinata a Milano: disagi in città, “grandine grossa come palle da biliardo”

Una tempesta di ghiaccio colpisce la Lombardia, causando danni e disagi. Fortunatamente, nessun ferito segnalato

L’articolo Violenta grandinata a Milano: disagi in città, “grandine grossa come palle da biliardo” proviene da TeleOne.

Published

on

Una forte ondata di maltempo ha investito la Lombardia in serata, con Milano colpita da una violenta grandinata.

Chicchi di grandine, alcuni delle dimensioni di noci e palle da biliardo, sono caduti con forza sui tetti, vetri delle auto e lucernari, causando preoccupazione tra i cittadini. “C’erano chicchi grossi come palle da biliardo”, hanno riferito diverse persone.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Molti milanesi si sono rifugiati sotto tende, balconate o nelle aree di servizio in auto. Secondo il 118, non si registrano feriti diretti causati dalla grandine. Particolari disagi si sono verificati nella zona San Siro, dove un concerto degli Stray Kids è stato interrotto dal maltempo, causando un fuggi fuggi generale ma senza contusi.

In centro, vicino al Teatro alla Scala, si è rotta una tubatura dell’acqua, aggravando l’allagamento delle strade già colpite dal nubifragio. Vigili del fuoco e tecnici dell’acquedotto sono intervenuti per riparare il danno.

I fiumi Seveso e Lambro sono sotto monitoraggio ma non in stato di emergenza.

I vigili del fuoco hanno effettuato decine di interventi, soprattutto nella zona Nord-Ovest di Milano, a Cornaredo e Bareggio, dove cadute di rami e alberi hanno danneggiato diverse auto senza provocare feriti. (foto archivio)

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

News e Focus

Rissa in campo e caos fra due squadre: Brasile, la polizia spara al portiere

Lite tra squadre provoca intervento delle forze dell’ordine: portiere del Gremio Anapolis ferito e ricoverato d’urgenza

L’articolo Rissa in campo e caos fra due squadre: Brasile, la polizia spara al portiere proviene da TeleOne.

Published

on

Un caotico scontro al termine di una partita di calcio in Brasile ha visto un agente della polizia militare sparare al portiere del Gremio Anapolis, Ramon Souza.

L’incidente è avvenuto dopo la sconfitta del Gremio Anapolis per 2-1 contro il Centro Oeste, durante una rissa a bordo campo. Un video virale mostra giocatori e staff di entrambe le squadre litigare, anche se il motivo della disputa non è ancora noto.

Durante la confusione, un agente ha sparato a Souza da distanza ravvicinata con un proiettile di gomma, colpendolo alla coscia. Souza ha subito una grave ferita ed è stato trasportato d’urgenza in ospedale dopo aver ricevuto le prime cure in ambulanza.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Il Gremio Anapolis ha condannato l’episodio sui social media, definendolo un “atto orribile, incredibile e criminale”. Il club ha dichiarato l’intenzione di intraprendere azioni per assicurare che il responsabile sia punito.

Il momento dello sparo è stato registrato da una trasmissione della Federcalcio Goiana (FGF) e da un video amatoriale. Le immagini mostrano un agente in uniforme che si avvicina alla confusione, punta l’arma e spara. Il portiere, colpito, viene soccorso immediatamente dai compagni di squadra che chiedono aiuto.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

News e Focus

Vertice Nato, Meloni: “Sostegno a Kiev per tutto il tempo necessario”

“La parte che mi soddisfa di più di questo vertice è che noi come Italia ci siamo concentrati molto sulla necessità di iniziare una nuova fase nell’attenzione al fianco Sud dell’Alleanza. Questa presa di coscienza c’è nelle conclusioni del vertice con un pacchetto di misure, con l’indicazione di un inviato del Segretario Generale per il […]

L’articolo Vertice Nato, Meloni: “Sostegno a Kiev per tutto il tempo necessario” proviene da TeleOne.

Published

on

“La parte che mi soddisfa di più di questo vertice è che noi come Italia ci siamo concentrati molto sulla necessità di iniziare una nuova fase nell’attenzione al fianco Sud dell’Alleanza. Questa presa di coscienza c’è nelle conclusioni del vertice con un pacchetto di misure, con l’indicazione di un inviato del Segretario Generale per il Sud, ruolo per il quale l’Italia intende presentare ovviamente la sua candidatura. Tutto ciò dimostra che tutto quello che abbiamo fatto per chiedere attenzione ad un contesto che va valutato nella sua complessità e nella sua totalità porta i suoi risultati. Parlo di questo perchè è un elemento sul quale l’Italia si è molto spesa e che è stato ascoltato dagli Alleati”.

Lo ha detto la premier Giorgia Meloni nel corso di un punto stampa che si è tenuto all’hotel St.Regis al termine dei lavori del vertice Nato a Washington.

“Quando parliamo di difesa e di sicurezza dobbiamo ricordarci l’intelligenza artificiale, la cybersicurezza, fondali marini, infrastrutture critiche – ha aggiunto -. E’ un concetto che si amplia, che richiede sempre nuovi sforzi e anche soluzioni innovative su cui il Governo italiano ha mosso i suoi passi in questi mesi. Dobbiamo capire che è un tema in continua evoluzione che richiede sempre maggiori risorse. Qui chiamo in causa soprattutto i miei colleghi dell’Unione Europea perchè bisogna immaginare soluzioni innovative per dare risposte a queste sfide e al piano finanziario”.

La Russia ha parlato di un ritorno alla Guerra Fredda: “Si conferma che l’Alleanza atlantica continuerà a sostenere l’Ucraina contro la guerra di invasione russa per tutto il tempo che sarà necessario. C’è un aggressore e c’è un aggredito. Non possiamo scambiare il concetto di pace con un’invasione e l’unico modo per costruire davvero pace è mantenere sul campo un equilibrio che a un certo punto costringa a una pace giusta che chiaramente non può prescindere dal diritto internazionale e dal diritto dell’Ucraina”, ha sottolineato Meloni.
“Credo che questo sia l’unico modo per ricostruire nel futuro uno scenario davvero di pace, perchè altrimenti è vero che rischiamo uno scenario che ci riporta indietro agli anni che abbiamo conosciuto”, ha sottolineato.

Al termine dei lavori dell’ultima giornata del vertice Nato Meloni ha incontrato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Al centro del colloquio, ha fatto sapere Palazzo Chigi, l’andamento del conflitto in corso, a partire dalle gravi conseguenze del bombardamento russo dell’ospedale pediatrico di Kiev.

I due leader hanno quindi passato in rassegna i risultati del Consiglio NATO-Ucraina e del vertice per la pace che si è svolto in Svizzera e i relativi seguiti. Sono state infine condivise le prime valutazioni in merito alla futura conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina che verrà ospitata dall’Italia nel giugno del prossimo anno.

(www.teleone.it)

Continue Reading

News e Focus

Milano Malpensa diventa Aeroporto Silvio Berlusconi: prime polemiche

L’ENAC approva l’intitolazione, suscitando interrogativi da parte del Partito Democratico

L’articolo Milano Malpensa diventa Aeroporto Silvio Berlusconi: prime polemiche proviene da TeleOne.

Published

on

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha annunciato che l’aeroporto di Milano Malpensa è stato ufficialmente rinominato Aeroporto Internazionale Milano Malpensa – Silvio Berlusconi, in seguito a un’ordinanza dell’ENAC che ha effetto immediato.

La gestione dello scalo, SEA, si occuperà dei relativi adempimenti per implementare la nuova denominazione. Il vicepremier e ministro Matteo Salvini ha espresso “grande soddisfazione” per la decisione.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Tuttavia, il Partito Democratico ha sollevato dubbi sulla procedura seguita per l’intitolazione. In un’interrogazione rivolta a Salvini, il Pd ha chiesto chiarimenti sulle motivazioni che hanno portato a non rispettare la legge 1188/1927, che richiede un periodo di 10 anni dalla morte di una persona prima che un luogo pubblico possa essere a essa intitolato.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati