Connect with us

Cronaca

Meteo, occhio a “Circe”: “Tempesta al Sud, giù di 10 gradi”

Dopo il caldo record, qualche giorno di piogge e temperature che crolleranno anche in Sicilia

L’articolo Meteo, occhio a “Circe”: “Tempesta al Sud, giù di 10 gradi” proviene da TeleOne.

Published

on

Dopo le temperature da caldo record, arriva il maltempo. Questo è ciò che prevedono i meteorologi per le prossime ore. A partire da questa sera e fino a domani anche la Sicilia sarà interessata dal ciclone “Circe” che colpirà il meridione.

Si tratta di una grande tempesta autunnale, anomala e fuori stagione, che colpirà il Sud Italia facendo crollare le temperature di circa 10 gradi rispetto ai valori di questi giorni.

“L’anticiclone di matrice subtropicale presente sul bacino del Mediterraneo cederà sul finire della giornata di venerdì, sotto la spinta di un’intensa perturbazione in arrivo dal nord Europa”, sottolineano gli esperti di 3bmeteo. Attese piogge, rovesci e locali temporali, specie su Calabria e Sicilia settentrionale e, sebbene più marginalmente, anche su parte della Campania, compresi i settori costieri.

In Sicilia, l’arrivo del maestrale e i forti temporali abbasseranno le temperature dopo il gran caldo degli ultimi giorni. Si prevede un passaggio dai 35 gradi ai 25. Nel capoluogo siciliano si potrebbe oscillare fra i 29 e i 27 gradi.

Domenica 6 agosto, invece, tornerà il cielo sereno e torneranno le temperature nella norma stagionale, sarà presente vento e mare mosso.

(www.teleone.it)

Cronaca

Palermo, uccise il cane Aron, ordinanza del sindaco: “Non potrà più possedere animali”

“Un atto dovuto nel contesto di un’azione criminale e vigliacca che ha provocato dolore e morte”: le parole di Ferrandelli

L’articolo Palermo, uccise il cane Aron, ordinanza del sindaco: “Non potrà più possedere animali” proviene da TeleOne.

Published

on

Carmelo Russo, l’uomo che lo scorso gennaio in via delle Croci, a Palermo, ha dato fuoco al cane Aron (LEGGI) provocandogli successivamente la morte non potrà più “possedere, acquisire in proprietà e/o detenere animali di qualunque genere e specie a qualsiasi titolo, anche temporaneamente, su tutto il territorio comunale”.

Lo ha stabilito oggi, su proposta dell’assessore al benessere animale Fabrizio Ferrandelli, il sindaco Roberto Lagalla firmando una apposita ordinanza. Questa è estesa anche per eventuali conviventi di Russo e sarà il servizio veterinario della ASP Palermo e la polizia municipale a controllarne periodicamente il rispetto provvedendo al sequestro degli animali eventualmente rinvenuti.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Secondo l’assessore Ferrandelli “questo è stato un atto dovuto nel contesto di un’azione criminale e vigliacca che ha provocato dolore e morte ad un cane e che ha scosso non poco tutta l’opinione pubblica locale e nazionale. Questa è anche la conferma della mia attenzione e di quella dell’intera Amministrazione per il benessere degli animali che sono e saranno sempre parte integrante della nostra comunità”.

“Un ringraziamento – prosegue – va al sindaco Lagalla per la sensibilità dimostrata sull’argomento e a quelle associazioni che ci sono state vicine sollecitando anche l’emissione di questo sacrosanto provvedimento”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Incidente e paura sulla Palermo-Agrigento: 75enne rimane intrappolato fra le lamiere

Intervento tempestivo dei soccorsi per la vittima, un 75enne, coinvolto nell’incidente: l’intervento fra Villafrati e Baucina

L’articolo Incidente e paura sulla Palermo-Agrigento: 75enne rimane intrappolato fra le lamiere proviene da TeleOne.

Published

on

Momenti di grande paura dopo un incidente sulla statale Palermo-Agrigento: l’auto guidata da un uomo di 75 anni è uscita di strada, ribaltandosi nella zona fra Villafrati e Baucina.

I vigili del fuoco sono intervenuti prontamente per estrarre l’uomo dalle lamiere, consegnandolo alle cure dei sanitari del 118. Trasportato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Civico di Palermo, l’automobilista ha ricevuto le prime cure.

L’incidente ha richiesto l’intervento congiunto degli agenti della polizia stradale e dei carabinieri per eseguire i rilievi e regolare il traffico, mentre le squadre del distaccamento di Villafrati del servizio antincendio hanno lavorato per garantire la sicurezza dell’area.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

“Mancato saluto”, aggredisce il vicino a colpi di zappa: in manette 27enne a Palermo

Dopo una furiosa lite, il giovane avrebbe attaccato il suo vicino di casa, un uomo di 54 anni: le indagini e la decisione

L’articolo “Mancato saluto”, aggredisce il vicino a colpi di zappa: in manette 27enne a Palermo proviene da TeleOne.

Published

on

I carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Palermo Piazza Verdi hanno arrestato un giovane di 27 anni con l’accusa di tentato omicidio. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Palermo su richiesta della Procura della Repubblica.

L’episodio violento è avvenuto in un pomeriggio di inizio aprile, nei pressi di via Umberto Maddalena. Dopo una furiosa lite, scaturita forse per un “mancato saluto”, il 27enne avrebbe attaccato il suo vicino di casa, un uomo di 54 anni, colpendolo ripetutamente alla testa e al corpo con una zappa. La vittima, che si stava allontanando, è stata aggredita alle spalle e ha riportato gravi ferite.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Il 54enne è stato trasportato d’urgenza all’Ospedale “Ingrassia”, dove è stato ricoverato in prognosi riservata e sottoposto a un delicato intervento chirurgico per le ferite alla testa e agli arti.

L’indagine, svolta immediatamente dopo l’aggressione con metodi tradizionali, ha fornito elementi di gravità tali da giustificare il provvedimento cautelare. Il 27enne è stato condotto presso la casa circondariale “Lorusso Pagliarelli” di Palermo. (foto archivio)

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

I traumi e la morte del piccolo Evan: confermato ergastolo per madre e patrigno

La Procura di Siracusa ha ricostruito un quadro di traumi pregressi, tra cui fratture multiple non curate adeguatamente

L’articolo I traumi e la morte del piccolo Evan: confermato ergastolo per madre e patrigno proviene da TeleOne.

Published

on

La Corte d’Appello di Catania ha confermato la condanna all’ergastolo per Letizia Spatola, 25 anni, e Salvatore Blanco, 33 anni, madre e patrigno del piccolo Evan, deceduto il 17 agosto 2020 a un anno e mezzo a causa di continue percosse e maltrattamenti.

Il bambino era morto per una grave insufficienza cardio-respiratoria da broncopolmonite da aspirazione, secondo i periti dovuta alle lesioni subite nei mesi precedenti. Quando Evan era stato portato al pronto soccorso di Modica, i medici avevano notato ecchimosi sul suo corpo, segnali di abusi protratti nel tempo.

La Procura di Siracusa ha ricostruito un quadro di traumi pregressi, tra cui fratture multiple non curate adeguatamente. Durante un ricovero a luglio 2020 per una frattura alla clavicola, le radiografie avevano rivelato ulteriori lesioni alle costole.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

La Corte d’assise di Siracusa aveva emesso la sentenza il 22 luglio 2022, confermata ora in appello. L’accusa ha sostenuto che il bambino fosse morto per le percosse inflitte dal patrigno, mentre la madre non sarebbe mai intervenuta, anzi avrebbe cercato di nascondere le violenze.

Letizia Spatola, agli arresti domiciliari, ha dichiarato di essere stata succube del compagno, ma gli inquirenti la ritengono consapevole delle violenze. Salvatore Blanco è attualmente in carcere. La nonna paterna di Evan, il padre naturale e gli zii del bimbo si sono costituiti parte civile nel procedimento.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati