Connect with us

Cronaca

Ryanair aumenta traffico aereo in vista dell’estate: 41 rotte e 2600 posti di lavoro

La grande incognita è rappresentata dalla presenza della tassa sul turismo, ovvero l’addizionale da 6,50 euro

L’articolo Ryanair aumenta traffico aereo in vista dell’estate: 41 rotte e 2600 posti di lavoro proviene da TeleOne.

Published

on

Seicento voli a settimana su 41 rotte e un aumento dei collegamenti con le grandi città estere: queste le principali novità che Ryanair e Gesap hanno presentato per l’aeroporto di Palermo in vista della stagione estiva 2024.

La principale novità è rappresentata dal collegamento con Poznan (Polonia), ma al contempo verranno messi a disposizione 2.600 nuovi posti di lavoro nella regione. La presentazione del programma estivo, cui hanno partecipato i vertici Gesap, l’assessore al Turismo al Comune di Palermo Alessandro Anello e il Ceo di Ryanair Eddie Wilson, si è tenuta al Grand Hotel Sala Borsa e fa il paio con quella organizzata ieri a Catania, che avrà invece a disposizione 40 collegamenti (uno in meno rispetto a Palermo).

Queste le tratte che in estate coinvolgeranno l’aeroporto Falcone-Borsellino: Alghero, Baden, Barcellona, Bari, Berlino, Bologna, Breslavia, Brindisi, Bruxelles, Bucarest, Budapest, Cagliari, Colonia, Cracovia, Cuneo, Dublino, Edimburgo, Forlì, Francoforte Hahn, Genova, Londra Stratford, Madrid, Marsiglia, Memmingen, Milano Bergamo, Milano Malpensa, Napoli, Norimberga, Parigi Beauvais, Parma, Perugia, Pisa, Poznan, Rimini, Roma Fiumicino, Trieste, Torino, Valencia, Venezia, Verona e Vienna.

La grande incognita è rappresentata dalla presenza della tassa sul turismo, ovvero l’addizionale da 6,50 euro sui diritti d’imbarco per passeggero incassata dagli aeroporti per conto dello Stato: un’imposta su cui sia Gesap sia Ryanair storcono il naso ma, mentre la società di gestione dell’aeroporto ne preferirebbe una rimodulazione, la compagnia irlandese ritiene l’abolizione una condizione indispensabile per creare ulteriori posti di lavoro (1.200 circa), portare in Sicilia altri tre milioni di passeggeri e ridurre le tariffe.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Dei 6,50 euro della tassa 5 sono destinati all’Inps, 50 centesimi vanno ai Vigili del fuoco per il servizio antincendio negli aeroporti e 1 euro a Enav per la sicurezza operativa e degli impianti. Il Friuli-Venezia Giulia, facendo valere lo statuto speciale, ha eliminato l’addizionale con un provvedimento inserito nella finanziaria 2023: la richiesta di Ryanair alla Sicilia è che venga attuato un decreto analogo. Per Wilson tale tassa “altro non è che un sussidio che non porta nessuna capacità addizionale e ha un peso da 50 milioni di euro all’anno: rimuoverlo ne costerebbe 60, quindi i concetti sono vicini, ma soprattutto porterebbe per la sola Ryanair 3 milioni di passeggeri in più, con una spesa turistica di 600 milioni di euro a favore del territorio. Questa misura avrebbe sia costi che benefici, mentre il sussidio non garantirebbe alcun beneficio: toglierlo significherebbe far crescere l’economia e incentivare tutte le compagnie aeree a mettere più capacità in Sicilia, con costi di conseguenza più bassi. In caso di abolizione sono disposto a tornare subito a Comiso”.

Contro la tassa sul turismo si esprime anche l’amministratore delegato di Gesap Vito Riggio: “Uno Stato serio la dovrebbe riordinare o ridurre, perché ormai è diventata una sorta di Bancomat sul biglietto aereo, ma al contempo dovrebbe limitare la possibilità per gli aeroporti di concedere sconti. Va rivisto soprattutto il contributo di 1,50 euro per i Vigili del fuoco, che non ha alcun senso: tale revisione dovrebbe essere seguita da forti incrementi in termini di passeggeri e un abbassamento del prezzo”. Ancora più duro l’intervento contro la decisione autonoma del Friuli-Venezia Giulia di abolirla: “Così ognuno fa per conto suo e si crea una concorrenza tra regioni che accentua quel sapore inaccettabile che sta assumendo l’autonomia differenziata; si rischia solo di aumentare ulteriormente differenze tra territori che appaiono già insopportabili. Il Friuli ha un peso molto modesto nel traffico aereo, mentre la Sicilia con 20 milioni di passeggeri costa molto di più”.

Da Anello arriva il plauso per l’arricchimento del traffico aereo su Palermo: “Ryanair è ormai una compagnia di riferimento per la Sicilia e ha consolidato negli anni l’aumento delle rotte: ogni passeggero che arriva rappresenta un vettore turistico per il capoluogo e la provincia, favorendone lo sviluppo economico”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Cronaca

Violente aggressioni su madre e zio: Catania, 41enne arrestato

L’uomo, aggressivo da mesi, è stato fermato dopo l’ennesima violenza domestica

L’articolo Violente aggressioni su madre e zio: Catania, 41enne arrestato proviene da TeleOne.

Published

on

La notte scorsa a Catania, una donna di 76 anni ha chiamato il numero di emergenza per chiedere aiuto dopo essere stata aggredita insieme al fratello dal figlio 41enne. La Polizia è intervenuta prontamente e ha arrestato l’uomo per maltrattamenti in famiglia e lesioni.

La donna ha raccontato agli agenti che il figlio era diventato aggressivo nei suoi confronti negli ultimi sei mesi, passando dalle minacce verbali a violente aggressioni fisiche. Anche lo zio, che vive con loro, è stato spesso vittima della furia dell’uomo. L’ultima lite è scoppiata perché il figlio aveva lasciato aperta la porta di casa per far entrare un amico, e alla chiusura della porta da parte della madre, è scoppiato in un’ira incontrollabile.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

La Polizia era già intervenuta più volte nelle ultime settimane a causa degli atteggiamenti violenti del 41enne. In un recente episodio, dopo aver prelevato una somma di denaro dal conto della madre con la sua carta bancomat, l’uomo aveva aggredito sia la madre che lo zio quando gli era stato chiesto cosa intendesse fare con i soldi.

Nonostante le ferite, la donna ha rifiutato le cure mediche, mentre il fratello è stato curato dai sanitari. Dopo l’arresto, il pubblico ministero di turno ha disposto che l’uomo fosse portato nel carcere di Piazza Lanza in attesa del giudizio di convalida. Una volta convalidato l’arresto, è stata confermata la custodia cautelare in carcere.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Violenza e rapina a liceali milanesi: Palermo, tre arresti

I carabinieri di Palermo smantellano banda di rapinatori seriali

L’articolo Violenza e rapina a liceali milanesi: Palermo, tre arresti proviene da TeleOne.

Published

on

I carabinieri della compagnia di Palermo Piazza Verdi hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre palermitani, un 27enne e due 39enni, già noti alle forze dell’ordine. L’ordinanza, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Palermo su richiesta della Procura della Repubblica, li accusa di rapina aggravata ai danni di due diciottenni, studenti di un liceo milanese.

I fatti risalgono a una sera di fine settembre dello scorso anno, quando i tre avrebbero avvicinato i giovani nel centro di Palermo, in una traversa di via Roma, con la scusa di chiedere una sigaretta.

Una volta accerchiati, li avrebbero costretti a recarsi a un bancomat per prelevare 450 euro contro la loro volontà.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Le indagini, condotte dai militari della Stazione di Piazza Marina, sono state facilitate dall’analisi delle immagini di videosorveglianza dell’istituto bancario, che hanno permesso di ricostruire tutte le fasi della rapina. Questo lavoro investigativo ha portato all’emissione delle misure cautelari, ora eseguite, e gli indagati sono stati trasferiti presso la casa circondariale “Lorusso Pagliarelli”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

I Soldi Spicci si lasciano: “Felici così, ma continuiamo a lavorare assieme”

“Il nostro amore si è evoluto in qualcosa di molto più grande, un vero e proprio amore fraterno”

L’articolo I Soldi Spicci si lasciano: “Felici così, ma continuiamo a lavorare assieme” proviene da TeleOne.

Published

on

Cari amici belli, ormai da un po’ di tempo la domanda più frequente che ci ponete in tanti è: “Ma vi siete lasciati?”. Noi, un po’ per paura e un po’ perché cercavamo le parole giuste, ci siamo presi del tempo prima di rispondere. La verità è che sì, da un annetto a questa parte abbiamo deciso di separarci sentimentalmente e non perché fosse finito qualcosa, ma al contrario perché il nostro amore si è evoluto in qualcosa di molto più grande, da definirsi un vero e proprio amore fraterno”.

Sono queste le parole pubblicate in un lungo post su Instagtam dai “Soldi Spicci”, il duo composto da Annandrea Vitrano e Claudio Casisa. I due hanno così annunciato al pubblico di non essere più fidanzati. 

Concetto che viene espresso anche attraverso alcune foto con la scritta “Finalmente single”. La coppia ha però anche annunciato che, nonostante la separazione, continuerà a lavorare assieme.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

“Sappiamo che questa notizia può sembrare destabilizzante, ma vi giuriamo che per noi non lo è affatto, anzi… abbiamo deciso insieme di liberarci da alcune dinamiche sentimentali – è la continuazione del post – per dare inizio ad un nuovo capitolo fatto di libertà e di amicizia che siamo sicuri, al contrario dell’amore, durerà in eterno».

“Un po’ come l’acqua che cambia la sua forma in base al contenitore – si legge – anche noi continueremo a raccontare l’amore sotto un altro aspetto. Dunque niente tristezza… perché noi siamo felici, ve lo giuriamo!! Continueremo a lavorare insieme, a fare i cretini insieme, ad abbracciarci, emozionarci e condividere con voi tanta strada sia artistica che personale, con una piccola differenza: a fine serata ognuno… se ne tornerà a casa sua! Da oggi cominceranno tante nuove avventure e i vostri cari Soldi Spicci, vi possiamo assicurare, stanno già lavorando a tantissimi nuovi progetti che presto vi racconteremo! Grazie a tutti… noi adesso andiamo a brindare all’amore che non finisce ma che si evolve!”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Caldo soffocante, anche Palermo fra le città da “bollino rosso”

Inizio d’estate hot per l’Italia. Il 21 giugno inaugurerà la stagione e sarà anche il giorno più caldo dei 3 monitorati nell’ultimo aggiornamento del bollettino sulle ondate di calore diffuso dal ministero della Salute. Venerdì sono 8 città da bollino rosso: ad Ancona, Campobasso, Frosinone, Latina, Palermo, Perugia, Rieti e Roma il livello di rischio […]

L’articolo Caldo soffocante, anche Palermo fra le città da “bollino rosso” proviene da TeleOne.

Published

on

Inizio d’estate hot per l’Italia. Il 21 giugno inaugurerà la stagione e sarà anche il giorno più caldo dei 3 monitorati nell’ultimo aggiornamento del bollettino sulle ondate di calore diffuso dal ministero della Salute.

Venerdì sono 8 città da bollino rosso: ad Ancona, Campobasso, Frosinone, Latina, Palermo, Perugia, Rieti e Roma il livello di rischio salirà a 3, che indica “condizioni di emergenza con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive, e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche”.

Oggi 15 città con bollino arancione. Su Perugia, in particolare, il bollino sarà rosso già oggi, giovedì 20 giugno, giornata in cui si prevedono 15 capoluoghi con bollino arancione (livello 2): Ancona, Bari, Bologna, Campobasso, Catania, Firenze, Frosinone, Latina, Napoli, Palermo, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma e Viterbo. Venerdì bollino arancione su 10 città: Bari, Bologna, Brescia, Catania, Messina, Napoli, Pescara, Reggio Calabria, Trieste e Viterbo.

“Il caldo record che investirà da oggi l’Italia, con diverse città che fino a venerdì 21 giugno vedranno la colonnina salire sopra i 40 gradi, ben 12 sopra la norma climatologica, rappresenta un serio pericolo per la salute, specie per soggetti più fragili come anziani, bambini e cittadini con patologie preesistenti”.

E’ il monito degli esperti della Società italiana di medicina ambientale (Sima), che tra “le ripercussioni del repentino rialzo delle temperature” sull’organismo indicano anche “possibili danni a organi vitali e cervello”.

Anticiclone Minosse alla massima potenza, temperature oltre i 40°C: super caldo sull’Italia con temperature in ulteriore aumento, 5-6°C in più nelle prossime 36 ore. Il picco di Minosse, l’anticiclone africano che porta anche tanta sabbia del Deserto, regalerà purtroppo frequenti 40°C al Centro-Sud e tanta afa al Nord.

Da segnalare inoltre, per questo Solstizio d’estate 2024, l’arrivo di temporali forti verso le regioni di Nord-Ovest, un primo break nel caldo opprimente di Minosse. Venerdì farà tanto caldo anche di notte: a Firenze si prevede una minima compresa tra 24 e 26°C, con 25°C anche in Val Padana. Prudenza dunque per l’ondata di calore, ma anche per i temporali che entro venerdì saranno intensi al Nord.

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati