Connect with us

News e Focus

Uccisa a martellate dal giocatore della Sancataldese, la sorella: “L’ha massacrata”

La donna uccisa a martellate dal giocatore della Sancataldese. “L’ha massacrata”: le parole della sorella della vittima

Published

on

E’ ancora forte l’eco della tragedia avvenuta a Bologna, dove Alessandra Matteuzzi, 56 anni, è stata uccisa, colpita con un martello, in via dell’Arcoveggio, periferia della città, nel cortile condominiale. L’ex compagno, Giovanni Padovani, che ha 27 anni, è stato arrestato.

Quando è stata aggredita dall’ex, Alessandra Matteuzzi era al telefono con la sorella. Lo ha raccontato la stessa al Tgr Rai Emilia-Romagna. “È scesa dalla macchina e ha cominciato a urlare: no Giovanni, no, ti prego, aiuto”. (👇🏼continua sotto 👇)
👉 Rimanete aggiornati, seguite TELEONEMAG su Facebook! (clicca qui 💪)

“Io ero al telefono, ho dunque chiamato immediatamente i carabinieri – ha proseguito la sorella – che sono arrivati subito. Io abito a 30 chilometri. Alla fine l’ha massacrata di botte“, ha detto la donna in lacrime.

Giovanni Padovani

L’intervento delle volanti era avvenuto l’altro ieri alle 21.30, per la segnalazione dei vicini di casa di una violenta lite. La donna era riversa a terra e ferita alla testa in stato di incoscienza. Trasportata in ospedale, è morta poco dopo. Sul posto era presente anche l’aggressore, arrestato per omicidio aggravato su disposizione della Procura.

Alessandra Matteuzzi a fine luglio aveva presentato denuncia contro l’ex compagno, dal quale si era lasciata da qualche mese. L’indagato è un calciatore ed ex modello, originario di Senigallia, in provincia di Ancona. Ha militato in varie squadre di serie C e D: tra cui il Foligno calcio, il Troina, Giarre e ora la Sancataldese. Sarebbe arrivato a Bologna in aereo dalla Sicilia e poi sarebbe andato ad attendere la donna sotto casa.

“Condanniamo senza se e senza ma ogni violenza e femminicidio. Non riusciamo a trovare le parole per commentare i fatti che si sono verificati ieri sera a Bologna, per la furia e la ferocia che ha subito Alessandra Matteuzzi. Ciò che proviamo in questo momento è shock e sgomento. La Società Sancataldese Calcio tiene a puntualizzare che il calciatore Giovanni Padovani già lo scorso sabato 20 agosto era stato messo fuori rosa a causa del suo ingiustificato allontanamento. La dirigenza verde amaranto si stringe al dolore della famiglia della vittima, certi che la legge faccia il suo corso”. Questo il comunicato stampa emesso dalla Sancataldese, con riferimento alla notizia shock dell’uccisione a colpi di martello, da parte del difensore verdeamaranto, dell’ex fidanzata.
📢 Rimanete aggiornati, seguite TELEONEMAG su Facebook! (clicca qui 💪)
📽 GUARDA TUTTI I VIDEO
🔴 LEGGI ANCHE:
Palermo, forte temporale: allagamenti, auto in panne, intervento dei vigili
Scandalo in carcere: relazione “hot” fra due giovani impiegate e un detenuto
Piromane appicca incendio, ma il drone riprende tutto: inchiodato – VIDEO
Prova del tradimento durante le nozze: lui si vendica e lascia la moglie – VIDEO
Atterraggio da brividi, Airbus sfiora le persone in spiaggia – il VIDEO

News e Focus

Mette la figlia di 2 anni in un trasportino per gatti, poi la getta dalla finestra

Incredibile in Germania: la piccola sopravvive alla caduta da 11 metri. La madre arrestata per tentato omicidio

L’articolo Mette la figlia di 2 anni in un trasportino per gatti, poi la getta dalla finestra proviene da TeleOne.

Published

on

Terribile quanto avvenuto a Berlino, dove una bambina di quasi due anni è stata lanciata dalla finestra dalla madre, rinchiusa in un trasportino per gatti.

L’episodio, riportato dal MailOnline, è avvenuto in un condominio nel quartiere Altglienicke. La piccola, precipitata dal terzo piano per un volo di undici metri, ha riportato fratture alle braccia e alle gambe ma è sopravvissuta miracolosamente.

La madre, arrestata con l’accusa di tentato omicidio, era nell’appartamento insieme al fratello minore della vittima.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

L’allarme è stato dato da un passante che ha sentito il pianto disperato della bambina, trovata tra i rifiuti ancora all’interno del trasportino. Attualmente, la piccola è ricoverata in terapia intensiva mentre il fratellino è stato affidato ai servizi sociali.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

News e Focus

Natante sul kayak, Cristina travolta e uccisa a 30 anni a Posillipo

Estese a tutto il Golfo di Napoli le ricerche della barca coinvolta: l’incidente e le indagini per omicidio colposo e omissione di soccorso

L’articolo Natante sul kayak, Cristina travolta e uccisa a 30 anni a Posillipo proviene da TeleOne.

Published

on

Le ricerche del natante che ieri pomeriggio ha investito una coppia a bordo di un kayak nel mare di Posillipo si sono estese a tutto il Golfo di Napoli. La coppia stava navigando vicino alla residenza presidenziale Villa Rosebery quando è stata colpita e sbalzata in acqua.

Nell’impatto ha perso la vita Cristina Frazzica, una giovane di 30 anni lombarda in vacanza, mentre il suo compagno, un giovane avvocato partenopeo, è stato soccorso poco dopo da un altro natante che ha dato l’allarme.

Le informazioni fornite dall’avvocato superstite saranno cruciali per far luce sulla tragedia. Anche le immagini delle telecamere di sicurezza della residenza presidenziale potrebbero fornire dettagli utili. La Procura di Napoli, con il sostituto procuratore Vincenzo Toscano, sta coordinando le operazioni di ricerca della barca, indagando per omicidio colposo e omissione di soccorso. I primi accertamenti indicano che il kayak potrebbe essere stato colpito da un natante che procedeva da nord verso sud, in direzione di Mergellina o Napoli.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Gli investigatori stanno esaminando i moli e ascoltando i titolari delle strutture che accolgono i natanti. È possibile che l’imbarcazione venga individuata a breve, insieme al responsabile che non si è fermato dopo l’incidente.

Gli inquirenti hanno lanciato un appello a chiunque abbia informazioni utili, che possono essere comunicate anonimamente. Il rimpianto resta che, forse, con un soccorso tempestivo, Cristina si sarebbe potuta salvare.

Solo l’autopsia potrà fornire dati certi sull’entità delle ferite riportate. Sul profilo Instagram della giovane, rimane un video postato poco prima della tragedia, che immortala una villa utilizzata come set della fiction “Un Posto al Sole”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

News e Focus

L’auto s’è capovolta, non c’è stato nulla da fare: Brindisi dà l’addio a Erika, 21 anni

Dolore per la perdita della ragazza di 21 anni, dopo che la sua vettura è sbandata vicino ad un lido di Brindisi

L’articolo L’auto s’è capovolta, non c’è stato nulla da fare: Brindisi dà l’addio a Erika, 21 anni proviene da TeleOne.

Published

on

L’ultimo saluto alla giovanissima vittima della strada è stato dato da amici e parenti nella giornata di ieri. E’ ancora grande dolore, in Puglia, per quella che avrebbe dovuto essere soltanto una giornata al mare lungo la litoranea nord di Brindisi, ma che si è trasformata in tragedia per la 21enne Erika Rezza, di Cellino San Marco.

Tutto è accaduto intorno all’ora di pranzo, sabato, quando l’auto della ragazza, una Lancia, è uscita improvvisamente di strada e si è ribaltata in un canneto vicino allo stabilimento balneare “Lido Sant’Anna”.

Nonostante l’intervento immediato dei passanti e dei soccorsi del 118, Erika non è sopravvissuta a causa di uno schiacciamento toracico. La giovane, che lavorava in un bar nel quartiere Commenda, viaggiava con un’amica 23enne, che è rimasta leggermente ferita ma sotto shock.

La polizia sta indagando sulle cause dell’incidente, escludendo il coinvolgimento di altri veicoli e ipotizzando una possibile distrazione alla guida.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

News e Focus

Ragazzina di 12 anni violentata dal fidanzatino e filmata, poi il video diventa virale

Sarebbe stata minacciata dal fidanzatino: “Se non lo fai, ti lascio”, le avrebbe detto prima di violentarla

L’articolo Ragazzina di 12 anni violentata dal fidanzatino e filmata, poi il video diventa virale proviene da TeleOne.

Published

on

Violenza alle porte di Modena, dove una ragazzina, di appena 12 anni, è stata abusata sessualmente dal fidanzatino di 15 anni in una stazione di servizio. Durante la violenza, un amico di 16 ha anche filmato la scena con il suo telefono e le immagini sono diventate virali, diffondendosi rapidamente tra le chat dei giovani.

La ragazzina avrebbe raccontato di essere stata minacciata dal fidanzatino: “Se non lo fai, ti lascio”, le avrebbe detto prima di violentarla.

L’amico 16enne ha ripreso la scena, per poi inviarla a diverse chat di altri compagni ed amici. Poi, tutto è stato denunciato dopo che la vittima ha parlato dell’episodio con un professionista della scuola, e successivamente anche con i genitori.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

La giovane ha spiegato di avere subito la violenza in un luogo che frequentava quotidianamente, ovvero la stazione delle autocorriere. Già avviate le indagini e identificati i presunti responsabili. Sul caso, le indagini della procura dei minori di Bologna.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati