Catania, la madre della piccola Elena venerdì dal Gip

Catania, la madre della piccola Elena venerdì dal Gip

15/06/2022 0 Di redazione

Si terrà venerdì mattina l’interrogatorio davanti al Gip di Catania di Martina Patti, la 23enne fermata per l’uccisione della figlia Elena, di 5 anni (LEGGI), a Mascalucia.

Il Giudice per le indagini preliminare dovrà decidere sulla convalida del fermo della donna, che è accusata di omicidio premeditato pluriaggravato e occultamento di cadavere. (continua sotto)

La Procura ha anche chiesto per la donna il carcere. Domani è previsto che venga affidato l’incarico per l’autopsia sul corpo della bambina che sarà eseguita successivamente.

“In un primo momento era fredda e distaccata, ma poi, all’esito della discovery di quello che era successo, ha avuto un cedimento e ha pianto”. La donna “dopo le contestazioni mosse” ha “fatto qualche precisazione, ammettendo le proprie responsabilità e confermando alcuni elementi che poi sono stati riscontrati sul posto e dai primi rilievi scientifici e autoptici”, ha detto il capitano dei carabinieri Salvatore Mancuso, del comando provinciale di Catania, parlando con i giornalisti a margine di un sopralluogo a Mascalucia nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Elena, la bambina di 5 anni assassinata dalla madre Martina Patti.

“I punti da chiarire – ha aggiunto – sono il luogo del delitto e l’eventuale responsabilità di altre persone o nella commissione dell’omicidio o nell’occultamento del cadavere. Abbiamo fatto verifiche su tutti i familiari stretti, ma al momento non si sono evidenziate anomalie”.

L’avvocato Gabriele Celesti, legale della donna accusata di omicidio premeditato pluriaggravato e occultamento di cadavere, ha detto che Elena sarebbe stata uccisa da Martina Patti nel luogo in cui la donna ha poi fatto ritrovare il corpo.

“La signora ha detto di avere ucciso la figlia sul luogo del ritrovamento” e l’arma utilizzata “sembrerebbe sia stato un coltello” ha detto, prima di entrare al Palazzo di Giustizia di Catania. Per il resto la donna “non ha saputo ricostruire” cosa accaduto, perchè “era come annebbiata”.

“E’ chiaro che poi – aggiunge il penalista – si possono innescare dei meccanismi psichici di rimozione perchè ovviamente si tende ad allontanare da sè il fatto”. “Perizia psichiatrica? Noi faremo accertamenti del caso con uno specialista – ha anticipato il legale – per vedere se ci sono rilievi di profilo psichiatrico che possono avere influito sul fatto. Ma una valutazione su questo oggi è prematura. Poi tecnicamente cercheremo di fare tutto quello che possiamo fare anche per colmare le lacune che ancora ci sono nelle indagini”.

“Il rapporto con l’ex – ha detto il penalista – si era concluso da tempo. C’era la figlia che, come può accadere nelle separazioni, può costituire motivo di ripicca, conflitto o ricatto, a seconda delle mentalità dei protagonisti. Non so se il movente della gelosia sia reale o parziale, di questo la signora non ne ha parlato”.

Sulla premeditazione contestata dalla Procura il legale sottolinea che “è un’ipotesi investigativa che a mio avviso si abbina al movente che è ancora in fase di accertamento: anche un furto d’auto richiede un minimo di organizzazione. Vediamo cosa emergerà dagli atti – sottolinea l’avvocato Calesti – che io ancora non conosco perché non c’è stata l’udienza di convalida davanti al Gip. Io ho soltanto il verbale dell’interrogatorio”. Il fermo è stato eseguito, ieri, dai carabinieri del Comando provinciale etneo. La donna inizialmente aveva denunciato agli investigatori il sequestro “per mano di un commando armato e incappucciato” della figlia. Ieri la svolta nelle indagini e la confessione del delitto.