Connect with us
corini eugenio corini eugenio

Sport

Palermo, il nuovo tecnico è Eugenio Corini: succede a Silvio Baldini

Il nuovo allenatore del Palermo, pronto all’esordio in Serie B, è Eugenio Corini. Per il “Genio” è la seconda volta sulla panchina rosa

Published

on

Questa volta è fatta: Eugenio Corini si prepara per la seconda volta ad allenare il Palermo. Il tecnico, ex capitano rosanero, firma un contratto biennale, fino al 2024.

Corini ha, dunque, avuto la meglio nella concorrenza con Luca D’Angelo, oltre a quella con gli altri papabili, fra cui De Rossi. La trattativa è durata circa 10 giorni, ma alla fine anche la dirigenza del City group ha dato il proprio “ok”. (👇 continua sotto 👇)
👉 Rimanete aggiornati, seguite TELEONEMAG su Facebook! (clicca qui 💪)

Riparte l’era del Genio, che avrà una settimana per preparare la gara d’esordio in Serie B, in programma fra pochi giorni, al Renzo Barbera contro il Perugia. Ma, soprattutto, sarà fondamentale il supporto di Corini nell’ambito del calciomercato e per il rafforzamento dell’organico: per i colori rosanero negli ultimi giorni i movimenti sono rimasti totalmente “in ghiaccio”.

Nella mattinata di oggi è anche arrivata la comunicazione ufficiale del club di viale del Fante:

“Il Palermo FC – si legge – comunica di aver affidato la guida tecnica della prima squadra a Eugenio Corini. L’allenatore bresciano torna così a far parte della famiglia rosanero dopo 4 anni da calciatore e capitano (2003-2007) e una breve esperienza in panchina (2016-2017).

Corini ha firmato un contratto biennale con il club ed è atteso a Palermo già per la gornata di oggi. Verrà presentato alla stampa martedì 9 agosto alle 12.15, nella sala stampa dello stadio Renzo Barbera (accesso riservato ai giornalisti già in possesso di accredito stagionale per le conferenze del club, secondo le consuete modalità).

Il City Football Group, il presidente Mirri e tutta la famiglia rosanero intendono ringraziare mister Stefano Di Benedetto per l’ottimo lavoro svolto e la grande disponibilità mostrata negli ultimi giorni e dare un caloroso bentornato a casa al “Genio”, che sarà a lavoro già da lunedì”.
👉 Rimanete aggiornati, seguite TELEONEMAG su Facebook! (clicca qui 💪)
🔴 LEGGI ANCHE:
Schianto nella notte: scooter su un muro, perde la vita a 27 anni
Ragazza tedesca violentata in strada a Palermo: arrestato un 22enne
Maxischermo si stacca e cade sui ballerini: due feriti – VIDEO

Sport

Palermo, che peccato: la Cremonese rimonta, è 2-2

La sfida dello Zini, valida per la ventiseiesima giornata del campionato di Serie B

L’articolo Palermo, che peccato: la Cremonese rimonta, è 2-2 proviene da TeleOne.

Published

on

Il Palermo “assaggia” il secondo posto in classifica, poi la Cremonese reagisce e impone il pareggio. Allo Zini grande chance persa dai rosanero, che dopo un ottimo primo tempo, chiuso in vantaggio di due reti, hanno sofferto cinque minuti a gran ritmo (inizio ripresa) dei grigiorossi.

Alla fine, con un uomo in meno (dalla metà del primo tempo) la squadra di Stroppa ritrova il 2-2 e mantiene invariate le distanze in classifica. Occasione sciupata per Brunori e compagni, anche se, in definitiva, il pareggio sul campo di una diretta concorrente per la promozione è da accogliere positivamente.

Il Palermo sblocca il risultato dopo la “chiamata” a metà ripresa del Var, che invita Massa a rivedere l’azione e concedere penalty per il tocco di braccio di Sernicola. Cartellino rosso per il giocatore di casa, e Brunori spiazza il numero uno di casa e sigla il gol numero 10 in campionato.

La sfida si mantiene su alti ritmi, ed anche la Cremonese si fa vedere in zona Pigliacelli. Ma il gol è nuovamente a tinte rosanero, ed è ancora una volta firmato Ranocchia: prima dell’intervallo sull’assist di Diakitè l’ex Juve infila lo 0-2 e la quarta rete personale in cinque gare. 

La ripresa si apre all’insegna della reazione cremonese, con Castagnetti che fa 1-2 dopo la ribattuta di Pigliacelli sulla gran botta di Coda. E nemmeno al 5′ i grigiorossi ritrovano la parità con lo stesso bomber, che fulmina il portiere ospite da posizione defilata.

L’entusiasmo sugli spalti (circa 3500 gli spettatori rosanero a Cremona), lascia già prevedere un altro pienone al Renzo Barbera, dove il Palermo affronterà la Ternana martedì sera per l’infrasettimanale (fischio d’inizio alle 20.30).

(www.teleone.it)

Continue Reading

Sport

Champions, Napoli-Barca pari nel primo round Osimhen risponde a Lewandowski

Nell’andata degli ottavi di finale di Champions League gli azzurri non vanno oltre l’1-1 contro il Barcellona di Xavi

L’articolo Champions, Napoli-Barca pari nel primo round Osimhen risponde a Lewandowski proviene da TeleOne.

Published

on

Si chiude con un pareggio la prima del nuovo Napoli di Francesco Calzona, che nell’andata degli ottavi di finale di Champions League non va oltre l’1-1 contro il Barcellona di Xavi.

Alla rete di Lewandowski nella prima metà del secondo tempo ha risposto quella del rientrante Osimhen, che trasforma in gol l’unico tiro in porta della partita degli azzurri. Parte forte il Barcellona, che sfrutta un momento di confusione iniziale del Napoli provando ad innescare Yamal, subito pericoloso dopo nove minuti con la conclusione dalla distanza respinta in tuffo da Meret.

Portiere del Napoli chiamato ancora all’intervento tredici minuti più tardi, disinnescando prima la conclusione dall’interno dell’area di Lewandowski, poi quella dalla distanza di Gundogan. Alla mezz’ora gli azzurri cercano di alzare il proprio baricentro, schiacciando i catalani nella propria metà campo ma senza creare occasioni limpide fino all’intervallo.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Nel secondo tempo il Barcellona torna a spingere e, al 60′, trova il gol del vantaggio: Pedri si muove bene tra le linee difensive partenopee e imbuca dentro l’area per Lewandowski che chiude il destro sul primo palo battendo Meret. Lampo degli spagnoli che sembrano concretizzare definitivamente la loro superiorità, ma al 75′ il Napoli sigla improvvisamente il pareggio, grazie al filtrante di Anguissa a favorire il lavoro di Osimhen che, liberatosi di Inigo Martinez, spiazza Ter Stegen e porta il punteggio sull’1-1.

Tanta stanchezza e squadre molto lunghe in un finale di gara in cui Gundogan va vicino al gol del nuovo vantaggio nell’ultimo dei quattro minuti di recupero, con una conclusione di sinistro che finisce non lontano dal palo di Meret. La sfida si chiude dunque con un pareggio che rimanda la pratica qualificazione alla sfida di ritorno del prossimo 12 marzo in quel di Barcellona.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Continue Reading

Sport

Champions, il ruggito di Arnautovic: l’Inter esulta, Atletico Madrid ko

Vittoria importante in ottica qualificazione per i nerazzurri in vista del ritorno del “Wanda Metropolitano”

L’articolo Champions, il ruggito di Arnautovic: l’Inter esulta, Atletico Madrid ko proviene da TeleOne.

Published

on

Va all’Inter di Simone Inzaghi la gara d’andata degli ottavi di finale di Champions League contro l’Atletico Madrid, battuto 1-0 grazie alla rete di Marko Arnautovic. Vittoria di misura di evidente rilevanza in ottica qualificazione per i nerazzurri in vista del ritorno del “Wanda Metropolitano” del prossimo 13 di marzo.

Si comincia con San Siro che omaggia Andreas Brehme, ex terzino dell’Inter dei record deceduto a 63 anni. Poi si gioca e i ritmi sono da subito alti, la prima occasione se la creano gli spagnoli, con Lino che da sinistra calcia a giro non andando lontano dal palo di Sommer. Risponde l’Inter, che combina molto con Thuram e Lautaro, così come alla mezz’ora, con la sponda del francese per il tiro alto dell’argentino. Lo stesso Lautaro si renderà ancora protagonista poco più tardi, prima sul cross dalla trequarti di Barella, con il capitano nerazzurro che colpisce di testa ma indirizza centralmente il pallone; poi sulla ripartenza avviata dal recupero palla di Thuram sull’errore di De Paul e conclusa tuttavia male da Lautaro che strozza il tiro.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Intervallo e Inzaghi è costretto a sostituire Thuram con Arnautovic per una contrattura all’adduttore destro accusato dal francese sul finire di primo tempo. Proprio l’attaccante austriaco, al 49′, ha la palla del vantaggio, con la fuga e cross di Dimarco per l’ex Bologna che in scivolata colpisce però male.

Risale così il campo l’Atletico e si rende pericoloso, sempre con Lino, che chiude lo scambio in area con De Paul ma non colpisce bene col il destro. A non colpire bene, al 63’, sarà nuovamente Arnautovic, che al termine di una bella azione manovrata da Calhanoglu e Lautaro si trova libero a due passi da Oblak ma calcia alto. Occasione clamorosa per l’Inter, che non abbassa la pressione e trova ancora la testa di Lautaro sull’ennesimo cross di Calhanoglu, ma è ancora bravo Oblak ad intuire e bloccare il pallone. Nerazzurri che dopo reiterati attacchi trovano il vantaggio, al minuto settantanove, con l’errore in disimpegno del subentrato Reinildo a favorire la ripartenza di Lautaro, stoppata prima dall’intervento di Oblak ma concretizzata nell’1-0 da Arnautovic, che a porta sguarnita stavolta non sbaglia e decide la gara di San Siro.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Continue Reading

Sport

Daniele De Rossi, che impatto: tris anche al Frosinone, la Roma sorride ancora

Per il neo tecnico quattro vittorie in sei gare, compresa quella di questa settimana di Europa League

L’articolo Daniele De Rossi, che impatto: tris anche al Frosinone, la Roma sorride ancora proviene da TeleOne.

Published

on

La Roma batte 3-0 il Frosinone nella trasferta del “Benito Stirpe” contro il Frosinone, valevole per la venticinquesima giornata del campionato di Serie A: a segno Dean Huijsen, Sardar Azmoun e Leandro Paredes (su rigore).

Per De Rossi quattro vittorie in sei gare (compresa quella di questa settimana di Europa League) alla guida della Roma. I padroni di casa si rendono protagonisti di un buon avvio di partita, andando subito alla conclusione con Kaio Jorge che viene murato da Huijsen. La prima occasione per i giallorossi arriva al 14′ sui piedi di Romelu Lukaku, che calcia con il sinistro, ma trova la pronta opposizione di Turati.

Intorno al 25′ la squadra giallazzurra torna all’attacco arrivando al tiro due volte con Soulè e una con Reinier, senza però ottenere risultati concreti. Al 31′ Kaio Jorge ha una clamorosa tripla occasione da rete, ma la retroguardia capitolina riesce a salvarsi grazie agli interventi di Svilar e Mancini. Nonostante un primo tempo di sofferenza, i ragazzi di De Rossi riescono a passare in vantaggio al 38′ con il grande gol di Dean Huijsen, che parte dalla propria difesa palla al piede, si accentra, salta un uomo e disegna una traiettoria imprendibile per Turati. Si torna, dunque, negli spogliatoi sul punteggio di 0-1.

Nella ripresa De Rossi decide di far tirare il fiato a Lukaku, inserendo il capitano Lorenzo Pellegrini. Il Frosinone, dal suo canto, va alla ricerca del pareggio facendosi vedere dalle parti di Svilar con un tiro dalla distanza di Mazzitelli.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

I ragazzi di Eusebio di Francesco ci provano, ma ad andare a segno è ancora la Roma che, al 71′ raddoppia con Sardar Azmoun, bravo ad approfittare di una corta respinta di Turati sul tiro di Cristante per poi depositare in fondo al sacco. All’81’ i giallorossi calano il tris con un calcio di rigore trasformato da Leandro Paredes e nel finale c’è spazio anche per il ritorno in campo di Chris Smalling dopo una lunga assenza. In virtù di questo risultato la Roma consolida il sesto posto in classifica, salendo a 41 punti, mentre il Frosinone resta quattordicesimo a quota 23.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati