Connect with us

Outside

“Non si preoccupi, nulla di importante”: aveva tumore, muore a 37 anni

Alla giovane donna era stato riferito che i sintomi di malessere potevano essere legati al “vaccino contro il Covid”: l’incredibile storia

L’articolo “Non si preoccupi, nulla di importante”: aveva tumore, muore a 37 anni proviene da TeleOne.

Published

on

Quel che le avevano detto i medici ha dell’incredibile: non ci sarebbe stato “nulla – le avevano riferito dopo le prime visite – di cui preoccuparsi”. Successivamente, invece, probabilmente troppo tardi, una donna ha scoperto di avere un cancro terminale, che l’ha poi portata alla morte ad appena 37 anni.

La drammatica storia arriva dall’Inghilterra, e la vittima è una giovane mamma, Katie Pritchard. Quando aveva fatto le prime visite, le era stato riferito che i sintomi di malessere potevano essere legati al “vaccino contro il Covid”. Inizialmente il nodulo che le avevano trovato era stato definito – come riporta il South west news service – “non preoccupante”, spiegando che la donna potesse avere un prolasso della vescica a causa dei due figli o addirittura un’infezione a trasmissione sessuale.

“Sapevo che qualcosa non andava”, aveva raccontato al giornale Katie nello scorso febbraio, sottolineando di avere dovuto “insistere affinché l’infermiera – si legge – mi esaminasse per la seconda volta durante il mio appuntamento e lei mi ha detto che non c’era nulla di cui preoccuparsi.

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

Alla donna è stata invece poi diagnosticata la malattia nel gennaio dello scorso anno dal suo ginecologo, fino a quando, due mesi fa, è morta. Il marito della 37enne, con cui aveva avuto due figli, aveva creato per le cure una pagina su Gofundme. Dopo la diagnosi iniziale, Katie era stata costretta ad attendere altri tre mesi per iniziare il trattamento per il tumore alle ovaie. La chemioterapia aveva funzionato, ma a dicembre il cancro era tornato a diffondersi.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

(www.teleone.it)

Outside

“Calici di stelle” a Cavanera Etnea e Baglio Sorìa: grand Soirée per celebrare il gusto della convivialità

Un viaggio eno-sensoriale che coinvolgerà le produzioni di tre grandi terroir, a partire dai Gaudensius 

L’articolo “Calici di stelle” a Cavanera Etnea e Baglio Sorìa: grand Soirée per celebrare il gusto della convivialità proviene da TeleOne.

Published

on

Tradizione, territori, vino e relax. L’appuntamento con Calici di Stelle è ormai alle porte, e Firriato si prepara a regalare esperienze indimenticabili per winelover ed enoturisti in due luoghi straordinari, dove si respira la tipica accoglienza siciliana: Cavanera Etnea (Castiglione di Sicilia) e Baglio Sorìa (Trapani). Da un lato il silenzio “magnetico” del Vulcano attivo più grande d’Europa e dall’altro il fascino del panorama rurale del trapanese, faranno da cornice a wine experience di pregio con al centro una selezione delle etichette dell’azienda siciliana.

Un viaggio eno-sensoriale che coinvolgerà le produzioni di tre grandi terroir, a partire dai Gaudensius che rendono Firriato il principale produttore di Metodo Classico sull’Etna, passando per il Santagostino, l’Harmonium e il Favinia, l’unico vino di Favignana. La grande novità di questa 27esima edizione verrà però rappresentata dai due nuovi Charme Clerì: un bianco e un rosato capaci di racchiudere, con le loro molteplici sfumature organolettiche, l’essenza mediterranea della Sicilia.

Il primo appuntamento con Calici di Stelle è previsto per sabato 3 agosto a Cavanera Etnea Resort & Wine Experience, il resort della famiglia Di Gaetano alle pendici dell’Etna, per una soirée sotto il segno della condivisione che intreccia lo stile unico dei vini Firriato a performance artistiche. In scena gli spettacoli di danza della compagnia degli Sphera Dance Company, l’arte circense della compagnia degli Joculares, per poi concludere con le note incalzanti del dj set.  

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Il secondo appuntamento con le stelle è in programma sabato 10 agosto nella tenuta di Baglio Sorìa Resort & Wine Experience, una struttura seicentesca di cui Firriato ha mantenuto lo spirito originario. Qui, tra mura in pietra bianca, atmosfere antiche e comfort moderni, il grande pubblico avrà l’occasione di brindare e divertirsi in compagnia dei vini Firriato e a ritmo di musica, tra pezzi vintage, melodie contemporanee e dj set fino a tarda notte. Poi, infine, arte con una nuova performance degli Jocularesshow acrobatici e il meraviglioso spettacolo dei fuochi d’artificio.

Calici di Stelle è un inno alla magia dell’estate, ma anche un viaggio sensoriale tra i nostri vigneti all’interno di paesaggi naturali di straordinaria bellezza – sottolinea Irene Di GaetanoPresidente di Firriato –. I nostri vini saranno la cornice di varie iniziative, pensate per valorizzare al meglio la connessione tra enoturismo, astronomia e tradizioni locali. Suggestioni diverse da vivere a piccoli sorsi sotto il cielo dell’Etna e di Trapani, dove daremo voce ai desideri ma anche alla voglia di leggerezza”.

Per i winelover chedesiderano arricchire l’esperienza di Calici di Stelle con abbinamenti culinari, sarà possibile prenotare una cena presso il ristorante Santagostino di Baglio Sorìa o al La Riserva Bistrot di Cavanera Etnea. Si potrà scegliere tra due differenti menù a base di piatti tipici della cultura gastronomica siciliana, realizzati ad hoc dall’Executive Chef Andrea Macca.

Info & prenotazioni e costi:

–         Ticket Calici di Stelle Cavanera: 40 euro a persona comprensivo di degustazione   libera di oltre 20 etichette Firriato, spettacoli musicali dal vivo, performance artistiche itineranti e dj set. Gratis fino a 5 anni. Ridotto dai 6 ai 15 anni.

–        Ticket Calici di Stelle Baglio Sorìa: 50 euro a persona comprensivo di degustazione
libera di oltre 20 etichette Firriato, spettacoli musicali dal vivo, performance artistiche itineranti e dj set. Gratis fino a 5 anni. Ridotto dai 6 ai 15 anni.

–         Cena La Riserva Bistrot – Cavanera Etnea (solo su prenotazione)

50€ a persona per 2 portate più il dolce e 2 calici inclusi;

60€ a persona per 3 portate più il dolce e 2 calici inclusi.

        Cena Ristorante Santagostino – Baglio Sorìa (solo su prenotazione)

       50 € a persona per 2 portate più il dolce e 2 calici inclusi;

       60 € a persona per 3 portate più il dolce e 2 calici inclusi.

N.B. È previsto un menu per bambini da 30 euro.

Per prenotazioni Calici di stelle Cavanera Etnea Resort & Wine Experience: https://calicidistelle-etna.it/ – Mobile: +39 366 6260186

Per prenotazioni Calici di stelle Baglio Sorìa Resort & Wine Experience: https://calicidistellefirriato.it/ – Mobile: +39 349 1691568 – +39 366 6260186

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

Cronaca

Università, due ragazze siciliane vincono l’Amazon Women in Innovation

E’ Nicole Insalaco, studentessa del corso di Laurea in Ingegneria Informatica all’Università degli Studi di Palermo, la vincitrice della sesta edizione di “Amazon Women in Innovation”, la borsa di studio promossa e finanziata da Amazon per aiutare le giovani studentesse di discipline Stem (Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica) a inserirsi nel settore dell’economia digitale, dell’innovazione […]

L’articolo Università, due ragazze siciliane vincono l’Amazon Women in Innovation proviene da TeleOne.

Published

on

E’ Nicole Insalaco, studentessa del corso di Laurea in Ingegneria Informatica all’Università degli Studi di Palermo, la vincitrice della sesta edizione di “Amazon Women in Innovation”, la borsa di studio promossa e finanziata da Amazon per aiutare le giovani studentesse di discipline Stem (Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica) a inserirsi nel settore dell’economia digitale, dell’innovazione e della tecnologia.

La giovane meritevole – insieme alle vincitrici degli altri sei Atenei italiani coinvolti nell’iniziativa di Amazon – usufruirà di un finanziamento di 6000 euro per l’anno accademico 2023/24, con possibilità di rinnovo nei successivi due anni, assieme all’opportunità di disporre di una mentor Amazon, una manager dell’azienda con cui confrontarsi per sviluppare competenze utili per il proprio futuro percorso professionale: dalle tecniche per creare un curriculum efficace, ai consigli per affrontare un colloquio di lavoro.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Nicole Insalaco ha 19 anni e per frequentare il primo anno di Ingegneria Informatica all’Università degli Studi di Palermo ha lasciato Serradifalco, un paesino di circa 5mila abitanti in provincia di Caltanissetta in cui è nata e vissuta. Decisa a coltivare le proprie passioni e a migliorare se stessa e le proprie capacità, finora Nicole è la prima in famiglia e nel suo gruppo di amiche di sempre ad essersi avvicinata all’ambito delle STEM. “Sono sempre stata affascinata dall’ambito scientifico, eppure decidere di studiare informatica è stato un vero e proprio salto nel vuoto: non mi ci ero mai approcciata prima dell’Università. Ora che è terminato questo primo anno posso però ritenermi soddisfatta”.

Ogni giorno, lo studio le conferisce sempre più strumenti per capire l’attualità: “Intelligenza artificiale e cyber security sono tematiche attualissime, che ora studio in Università e che mi piacerebbe potessero diventare il mio lavoro in futuro”. La possibilità di fare domanda per la borsa di studio le è stata presentata casualmente, durante una lezione in facoltà: “ero entusiasta della possibilità, non solo per l’aiuto economico che la borsa di studio rappresenta, ma anche per il percorso di mentorship offerto. Ho fatto domanda senza grandi aspettative e poi sono rimasta sorpresa quando ho scoperto di averla vinta”.

Primo anno da fuorisede, Nicole vive questo passo fuori casa con indipendenza e consapevolezza: “Ho sempre pensato di dover seguire la mia strada. Pazienza se non fosse quella già intrapresa dalla mia famiglia, o scelta dalle mie amiche e coetanee. Sono l’unica del mio gruppo a studiare Ingegneria Informatica, e a farlo a Palermo. Seppur a poche ore da casa, trovarmi in un nuovo contesto, da sola, mi permette di lavorare su me stessa, e scoprire ogni giorno nuove sfaccettature del mio carattere che non conoscevo, o semplicemente non erano ancora emerse”.

Piedi ben saldi a terra e sano pragmatismo, Nicole non sa ancora cosa le riserverà il futuro, ma sta lavorando per avere a disposizione tutti gli strumenti per affrontarlo al meglio. È Flavia Bruselles, studentessa del corso di Laurea in Ingegneria Informatica all’Università di Catania, la vincitrice della sesta edizione di “Amazon Women in Innovation”, la borsa di studio promossa e finanziata da Amazon per aiutare le giovani studentesse di discipline STEM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica) a inserirsi nel settore dell’economia digitale, dell’innovazione e della tecnologia.

La giovane meritevole – insieme alle vincitrici degli altri sei Atenei italiani coinvolti nell’iniziativa di Amazon – usufruirà di un finanziamento di €6.000 per l’anno accademico 2023/24, con possibilità di rinnovo nei successivi due anni, assieme all’opportunità di disporre di una mentor Amazon, una manager dell’azienda con cui confrontarsi per sviluppare competenze utili per il proprio futuro percorso professionale:  dalle tecniche per creare un curriculum efficace, ai consigli per affrontare un colloquio di lavoro. Flavia Bruselles ha 20 anni; da Caltagirone è tornata quest’anno a Catania, sua città natale, per frequentare il primo anno di Ingegneria Informatica. Quando le si domanda del suo interesse per le discipline STEM, risponde che la curiosità è un’attitudine che ha ereditato da suo padre, come la passione per la programmazione di software.

Niente a che vedere realmente con il suo lavoro. Papà è un ceramista, eppure, se dovessi pensare a un esempio che mi ha motivato a intraprendere questo percorso di studi, farei proprio il suo nome, che negli anni è sempre riuscito a ricavarsi tempo ed energie per questo hobby.” Biochimica, fisica e informatica sono le materie preferite di Flavia. “Concluso il liceo scientifico sapevo di volermi rivolgere al mondo delle STEM, ma non avevo ancora identificato il percorso più giusto per me. È stata una mia amica ad aiutarmi nella scelta: suo fratello frequentava già ingegneria e i suoi racconti sono stati uno stimolo sia per me, sia per lei. Abbiamo iniziato questo percorso insieme, supportandoci a vicenda”. Per Flavia, ingegneria è una disciplina in continua evoluzione: già interessata al machine learning, resta comunque aperta alla possibilità che “il suo lavoro del futuro non sia ancora stato creato”. La domanda per ottenere la borsa di studio Amazon Women in Innovation l’ha fatta assieme alle sue colleghe di università: “in classe siamo solo poche ragazze. Tutte l’abbiamo colta subito come un’opportunità e la vittoria è stata inaspettata, ancora surreale. D’accordo con i miei genitori, utilizzerò il finanziamento per aiutarli con le spese da fuorisede, e mi informerò sulla possibilità di frequentare corsi avanzati di inglese”.

Ad affascinare Flavia, lo studio e la progettazione in team, un aspetto che spera di ritrovare anche in futuro in ambito lavorativo: “i lavori di gruppo premiamo la diversità. Ciascuno con il proprio modo di pensare e il proprio percorso. È un esercizio e un momento di crescita per tutti”.

Tra i colleghi in facoltà, solo poche le ragazze: “Eppure sono sicura che se si organizzassero maggiori incontri con donne impiegate in settori scientifici, la situazione sarebbe differente. Credo che molto spesso le ragazze siano restie a scegliere percorsi di studi STEM perché banalmente non conoscono concretamente le opportunità di lavoro che offrono. Anche per questo ho fatto domanda per la borsa di studio Amazon Women In Innovation, per la possibilità di confrontarmi con una mentor”. (foto ufficio stampa Amazon)

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

News e Focus

Record, il 21 Luglio 2024 “il giorno più caldo della storia”: la rilevazione Copernicus

Record di temperature globali, l’allarme degli scienziati. E giugno è stato il mese più caldo

L’articolo Record, il 21 Luglio 2024 “il giorno più caldo della storia”: la rilevazione Copernicus proviene da TeleOne.

Published

on

Il 21 luglio 2024 è stato registrato come il giorno più caldo mai registrato dall’inizio delle rilevazioni scientifiche, a metà Ottocento. La temperatura media sull’intera superficie terrestre ha raggiunto i 17,09 gradi Celsius, ben al di sopra della media annua di circa 15 gradi.

Il dato proviene da un grafico preliminare del database Era5 di Copernicus, il servizio meteorologico dell’Unione Europea. Era5 è un portale Internet aperto a tutti che raccoglie dati meteorologici globali dal 1940 a oggi. Anche se 17,09°C può sembrare una temperatura moderata, è importante ricordare che si tratta di una media tra le fredde temperature polari dell’inverno antartico e le roventi estati tropicali. Tutte queste temperature estreme stanno aumentando.

Secondo Copernicus, il mese di giugno dello stesso 2024, invece, è stato il mese più caldo mai registrato globalmente, segnando il 13esimo mese consecutivo di record di caldo. La temperatura media globale dei 12 mesi dal giugno 2023 al maggio 2024 è stata la più alta mai registrata, 1,63°C sopra la media pre-industriale del 1850-1900, superando costantemente il limite di 1,5°C fissato dall’Accordo di Parigi e dalla Cop26 di Glasgow.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Le cause di questo riscaldamento non sono un mistero: l’effetto serra provocato dalle emissioni umane di gas come anidride carbonica, diossido di azoto e metano. Questi gas derivano principalmente dalla combustione di combustibili fossili per energia, industria e trasporti, oltre che da attività come l’allevamento del bestiame.

Nonostante i continui discorsi e impegni dei governi per ridurre le emissioni, sostituire le fonti fossili con alternative sostenibili si rivela estremamente difficile e costoso, rallentando l’effettiva lotta alla crisi climatica.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading

News e Focus

Sta lavando l’auto, si accascia per il forte caldo: altra vittima a Brindisi

Un automobilista si accascia mentre pulisce il veicolo: inutili i tentativi di rianimazione. I carabinieri escludono altre cause

L’articolo Sta lavando l’auto, si accascia per il forte caldo: altra vittima a Brindisi proviene da TeleOne.

Published

on

Tragedia a San Donaci, dove un uomo ha perso la vita, presumibilmente a causa del caldo intenso. L’uomo si trovava presso un autolavaggio lungo la strada provinciale tra Torre Santa Susanna ed Erchie, intento a pulire la propria auto, quando improvvisamente è crollato al suolo.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

L’allarme è stato dato da un dipendente dell’autolavaggio che ha immediatamente chiamato i soccorsi dopo aver visto l’uomo accasciarsi. Nonostante i tentativi di rianimazione, per l’automobilista non c’è stato nulla da fare.

L’uomo si è sentito male nel primo pomeriggio di lunedì, e i carabinieri hanno effettuato i rilievi del caso per indagare sull’accaduto, anche se al momento tutte le ipotesi alternative alla morte per malore da caldo appaiono improbabili.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

(www.teleone.it)

Continue Reading
Advertisement

I più cliccati