Bimbo morto a Sharm el Sheikh, la Procura “vola” in Egitto?

Bimbo morto a Sharm el Sheikh, la Procura “vola” in Egitto?

26/07/2022 Off Di redazione

Adesso si potrebbe andare verso la rogatoria internazionale. Il caso è quello di Andrea Mirabile, il bimbo che è morto a sei anni lo scorso 2 luglio, a Sharm el Sheikh. Le cause della tragedia, avvenuta mentre il piccolo si trovava in vacanza con i genitori, sono ancora tutte da accertare.

Il bambino si è sentito male due giorni prima del decesso, e quel che la guardia medica del posto gli aveva diagnosticato era una “intossicazione alimentare”. E stessa diagnosi era stata fatta per la mamma, Rosalia Manosperti, incinta di 5 mesi, e per il papà Antonio Mirabile. Per l’uomo, le condizioni si erano aggravate, e il papà del piccolo ha riportato danni nefrologici e problemi cardiaci. (continua sotto 👇)
🔴 LEGGI ANCHE:
Pestaggio choc alla stazione di Milano: “Ci vuole l’esercito” – il VIDEO
Giocatore crolla a terra privo di sensi: compagno gli salva la vita – VIDEO
“Voleva nascondere gravidanza”: scomparsa da 10 anni, a processo ex convivente della madre

Ma adesso la Procura, per tentare di far luce sulle cause del decesso, potrebbe “volare” in Egitto, in quanto potrebbe essere fondamentale per le indagini (che sono coordinate dall’aggiunto Ennio Petrigni e dal pm Vittorio Coppola) anche interrogare i dipendenti del resort in cui la famiglia alloggiava.

.

La famiglia – come sottolineato venerdì da Mirabile e dalla moglie anche alla polizia, che indaga per omicidio colposo a carico di ignoti su delega della magistratura – ha ribadito di aver assunto cibo solo all’interno della struttura.

Come riporta l’agenzia ansa, i pm, che hanno disposto l’autopsia sul corpo di Andrea – la seconda dopo quella già fatta a Sharm – acquisiranno anche le cartelle cliniche rilasciate dal Policlinico di Palermo al padre del bambino che, dopo il trasferimento in Italia, è stato ricoverato nel capoluogo. I medici avevano ipotizzato, oltre all’intossicazione alimentare, anche quella da contatto o ambientale come causa della malattia dei tre e della morte del bambino.

È l’aspetto procedurale a complicare tutto, in quanto la vicenda, secondo quanto previsto dall’articolo 10 del codice penale, potrebbe ricadere nella giurisdizione egiziana e non in quella italiana. Se così fosse l’autorità giudiziaria italiana potrebbe comunque effettuare indagini a carico di ignoti, ma dovrebbe trasmettere il fascicolo ai colleghi egiziani se dovesse procedere a iscrizioni nel registro degli indagati.
👉 Rimanete aggiornati, seguite TELEONEMAG su Facebook! (clicca qui 💪)

LEGGI ANCHE:
A 300 chilometri orari sul Raccordo anulare: terribile schianto, immagini sui social – VIDEO
“Violentata da 4 persone”: Trapani, denuncia di una turista finlandese
La morte del piccolo Evan a Modica: ergastolo per madre e patrigno
La “medusa killer” colpisce in Sicilia: a Catania donna ricoverata in ospedale